Carta nazionale servizi: cos’è e a cosa serve?

La Carta nazionale dei servizi o CNS è un dispositivo che contiene al suo interno una gamma completa di servizi utili alle imprese.

Carta Nazionale dei servizi: cos’è?

La Carta Nazionale dei Servizi o CNS è un dispositivo in formato Smart Card o Token USB, che contiene un certificato digitale di autenticazione personale. La CNS della Camera di commercio contiene un certificato di sottoscrizione della firma digitale. Il servizio viene emesso dall’ente Certificatore Aruba PEC S.p.A.

In realtà è una cartellina che contiene tutto il corredo per l’uso della CNS tra cui: le condizioni generali di contratto, i codici segreti: PIN, PUK, e CODICE UTENTE. Inoltre, quando si utilizza la carta viene sempre richiesto il PIN, e come una normale sim, con tre errori occorre l’inserimento del codice PUK. Se la CNS è in formato Smart Card è necessario dotare la propria stazione di lavoro di un lettore di carte, attraverso l’apposita sezione del sito www.card.infocamere.it. Per le CNS in formato Token USB non hanno bisogno di nulla.

Carta Nazionale dei servizi: quali sono i servizi offerti?

La Carte nazionale dei servizi offre l’opportunità di fare molte operazioni. Ad esempio, e forse il più importante, la possibilità di firmare digitalmente documenti informatici. Inoltre, il rappresentante legale di un’impresa può consultare gratuitamente:

  • statuti, atti e bilanci depositati;
  • schede di società;
  • visura ordinaria, storica e artigiana;
  • situazione dei pagamenti del diritto annuale;
  • Stato pratiche Registro delle imprese

Con la CNS rilasciata dalle Camere di Commercio, è possibile inoltre, come privati cittadini, collegarsi via Internet al sito dell’Agenzia delle Entrate (http://telematici.agenziaentrate.gov.it), registrarsi senza dover digitare tutti i propri dati e accedere così al sito per verificare lo stato della propria posizione fiscale.

L’importanza della firma digitale

La firma digitale è un servizio molto importante. Questo perchè la firma digitale garantisce l’autenticità della firma dell’utente. Inoltre garantisce l’integrità del documento che non è stato sottoposto a modifiche di alcun tipo. Una volta apposta, il documento diventa non ripudiabile, cioè non può essere disconosciuto. Come se non bastasse, la carta nazionale è altre caratteristiche fondamentali, tra cui:

  • Sicurezza di accesso ai siti web delle Pubbliche Amministrazioni
  • Sicurezzaconfidenzialità nella consultazione dei servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni.

La firma digitale permette di poter risparmiare tempo e firmare documenti senza dover spostarsi. Del resto, viene rilasciata dalla stessa camera di commercio, l’ente presso cui si procede all’apertura della partita IVA.

Quali sono gli enti che possono rilasciare una carta?

La carta Nazionale dei servizi può essere rilasciata presso la camera di commercio di appartenenza. Per richiederla occorre avere un valido documento di riconoscimento. Inoltre, occorre essere in possesso di una mail su cui convalidare la procedura. In questa situazione di pandemia, sono molte le camere di commercio che permettono di prenotare il servizio presso gli sportelli.

E’ anche vero che la camera di commercio ha delegato anche alcuni enti specifici a poter effettuare lo stesso servizio. Consigliamo di visionare sempre l’elenco o chiamare la camera di commercio per conoscere i soggetti abilitati.

Carta Nazionale dei servizi: alcune caratteristiche del contratto

Quando si sottoscrive l’utilizzo di una carta nazionale dei servizi, si firma un vero e proprio contratto. All’interno vi sono i seguenti documenti:

  • Modulo di richiesta di rilascio della stessa carta;
  • condizioni generali del contratto;
  • manuali operativi
  • informativa privacy

La camera di commercio o il certificatore hanno il diritto di risolvere il contratto nel caso in cui l’utente violi le sue responsabilità nell’utilizzo della carta e dei manuali operativi collegati. Infatti, l’utilizzatore è obbligato a trattare e conservare tutti gli accessi.

Carta nazionale dei servizi: il certificato di autentificazione

Il dispositivo CNS rilasciato all’utente contiene un certificato di autenticazione per l’accesso ai sistemi informatici tenuti dalle Pubbliche amministrazioni. Il certificato emesso dalla Camera di commercio è in conformità con la normativa vigente del manuale operativo.

La carta ha una durata di tre anni, dopo di ciò va rinnovata, presso la camera di commercio e l’ente che lo ha richiesto. Anche in questo caso l’utente deve conservare scrupolosamente i dati della chiave segreta. Quest’ultima, infatti, è privata e personale, infatti non può essere ceduta a terzi o data in uso a terzi. Un consiglio è quello di attivare la carta a tutte le attività commerciali ed imprese, per permettere di avere in pochi minuti certificati importanti.

Informazioni su Francesca Cavaleri 115 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Attualmente sono coordinatrice di ItValverde, in cui raccontiamo le eccellenze del territorio. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.