Pensione Quota 41 per i lavoratori precoci

Il primo marzo 2021 si è aperta la finestra per la presentazione delle domande di quota 41, la pensione per i lavoratori definiti “precoci“. Di seguito tutti i dettagli su come funziona e chi può utilizzarla.

Quota 41: cos’è la pensione dei lavoratori precoci?

Secondo quando reso noto dall’Inps (Istituto nazionale di previdenza sociale) è possibile sfruttare la quota 41, ai fini di agevolare il pensionamento di alcune categorie. La pensione per i lavoratori “precoci”, chiamata quota 41. Si tratta di una prestazione economica erogata, su domanda, ai lavoratori che possono far valere 12 mesi di retribuzione effettiva antecedente al diciannovesimo anno di età. Ecco perché appunto “precoci”. Inoltre, queste categorie perfezionano entro il 31 dicembre 2026, la quota di 41 anni di contributi. La domanda può essere presentata dai lavoratori autonomi, se in possesso di tutti i requisiti. La pensione anticipata, inoltre, non è cumulabile con redditi di lavoro subordinato o autonomo prodotti sia all’estero che in Italia, per il periodo di anticipo rispetto ai requisiti vigenti per la generalità dei lavoratori.

Quota 41: chi può presentare la domanda?

Possono presentare la domanda i lavoratori iscritti all’Assicurazione Generale obbligatoria, che oltre ad avere i requisiti sopra detti, cioè 41 anni di servizio, di cui 12 mensilità prima del diciannovesimo anno di età, devono trovarsi in una delle seguenti condizioni:

  • invalidità superiore o pari al 74% accertata dalle commissioni che si occupano di riconoscimento di invalidità civile;
  • disoccupazione a seguito dalla cessazione di lavoro per causa licenziamento, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale;
  • lavoratori che hanno svolto attività particolarmente faticose o pesanti;
  • assistono un parente o il coniuge con grave handicap da almeno sei mesi, rispetto al momento di presentazione della domanda;
  • fanno parte di una delle seguenti categorie e che hanno svolto attività gravose da almeno sette dei dieci anni di attività lavorativa. Ma anche per almeno sei anni degli ultimi sette.

Quota 41: le categorie considerate

L’agevolazione non solo facilità l’accesso al trattamento pensionistico, ma favorisce chi ha svolto lavori di particolare pesantezza. Infatti, rientrano nell’agevolazione tutti i lavoratori che hanno operato nelle seguenti categorie:

  1. conciatori di pelle e pellicce;
  2. conduttori di mezzi pesanti e camion;
  3. gruisti o conduttori di mezzi per la perforazione nelle costruzioni;
  4. operai dell’edilizia, industria estrattiva e manutenzione degli edifici;
  5. insegnanti delle scuole di infanzia ed asili;
  6. addetti all’assistenza di persone NON autosufficienti;
  7. infermieri ed ostetriche operanti in turni in strutture pubbliche;
  8. addetti agli spostamenti di merci e facchini;
  9. addetti non qualificati operanti nel settore delle pulizie;
  10. marinai imbarcati o personale viaggiante nei trasporti marini ed in acque interne;
  11. operatori ecologici, raccolta di rifiuti e similari;
  12. operatori del settore siderurgico:
  13. pescatori della pesca costiera in acque interne, in alto mari, dipendenti o soci di cooperativa;
  14. addetti dell’agricoltura, pesca e zootecnica.

Quando decorre la pensione?

Ecco come funziona la decorrenza della pensione. I lavoratori che hanno maturato i requisiti dal 1 gennaio 2019 sono andati in pensione decorsi tre mesi dalla maturazione degli stessi. Mentre per i lavoratori che hanno accumulato (sempre entro la stessa data) i requisiti, anche accumulando i periodi assicurativi conseguono il diritto, dal primo giorno del mese successivo all’apertura della relativa finestra. Attenzione che il beneficio non è cumulabile con altra maggiorazioni derivanti dallo svolgimento della medesima attività lavorativa. È cumulabile invece con le maggiorazioni cd. di status di cui all’articolo 80, comma 3, legge 23 dicembre 2000, n. 388.

Come si presenta la domanda alla quota 41?

Per accedere al beneficio occorre presentare la domanda entro giorno 1 marzo di ogni anno. Ma solo in caso di esito positivo, dopo i relativi controlli da parte delle autorità competenti, si può presentare la domanda di pre-pensionamento. Eventuali domande di riconoscimento del beneficio presentate dopo al 1° marzo di ciascun anno, comunque non oltre il 30 novembre, sono prese in considerazione soltanto in caso residuino le risorse finanziarie. La domanda può essere presentata online sul sito dell’INPS, nella sezione dedicato. Oppure tramite il Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile. Ma anche attraverso enti di patronato, caf ed intermediari dell’istituto nazionale di previdenza sociale.

Informazioni su Francesca Cavaleri 109 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Attualmente sono coordinatrice di ItValverde, in cui raccontiamo le eccellenze del territorio. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.