Dimissioni da contratto a tempo determinato: cosa comporta

Dimissioni contratto a tempo determinato

Abbiamo parlato in un precedente articolo del caso di dimissioni da parte un dipendente assunto a tempo indeterminato, motivazioni, procedure e conseguenze. Ma cosa succede se il lavoratore di un’azienda legato ad essa da un contratto a tempo determinato, vuole dare le dimissioni?

Premesso che, un contratto a termine può trasformarsi a tempo indeterminato, magari per volontà del datore di lavoro di stabilizzare il dipendente con una proroga definitiva, la differenza tra i due rapporti di lavoro è incentrata sulla presenza o meno di una data di scadenza.

Estinzione di un rapporto di lavoro a termine

Nel caso di assunzione a tempo determinato, il contratto si conclude al raggiungimento del termine prefissato. Tuttavia, le parti possono recedere unilateralmente in anticipo rispetto alla scadenza del termine, sempreché sia terminato il periodo di prova, ma solo per gravi motivi.

Nel caso di recesso da parte del datore di lavoro, si parla di licenziamento per giusta causa o impossibilità sopravvenuta della prestazione qualora l’evento, pur se prevedibile, non era evitabile. Il lavoratore, invece, può rassegnare le dimissioni solo per giusta causa. Ovviamente, il contratto s’intende sciolto anche per accordo preso da entrambi le parti. Ma adesso, concentriamoci sulle dimissioni presentate dal dipendente.

LEGGI ANCHE: Licenziamento giusta causa, quando ricorre e come impugnarlo

Dimissioni dipendente contratto a tempo determinato: il preavviso

Come accennato in precedenza, il dipendente assunto con un contratto a termine può dare le dimissioni esclusivamente in presenza di una giusta causa. La sua mancata sussistenza, porta il dipendente a subire delle conseguenze.

La giusta causa è determinata da un comportamento del datore di lavoro talmente grave da costringere il dipendente a dimettersi senza preavviso.

Anche nel contratto a tempo determinato, il lavoratore che rassegna le dimissioni per giusta causa non è tenuto a dare un preavviso al datore di lavoro. Invero, ciò si verifica in quanto il preavviso è una prerogativa dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato.

LEGGI ANCHE: Come dare le dimissioni in un contratto a tempo indeterminato

I comportamenti gravi che rientrano nelle dimissioni per giusta causa

Il dipendente con un contratto a termine, può dare le dimissioni per giusta causa:

  • quando non riceve lo stipendio o comunque gli viene corrisposto in ritardo;
  • per mancato versamento dei contributi previdenziali;
  • per mobbing;
  • per consistente svuotamento delle mansioni, tali da pregiudicare il bagaglio professionale del dipendente;
  • per molestie sessuali da parte del datore di lavoro;
  • per comportamento ingiurioso del superiore gerarchico;
  • quando il datore pretende prestazioni illecite dal lavoratore.

Dimissioni per giusta causa del dipendente a tempo determinato: la procedura

Il dipendente che intende interrompere il rapporto a termine per giusta causa, deve ufficializzare le dimissioni esclusivamente in modalità telematica, con l’invio di appositi moduli al datore di lavoro via PEC e all’Ispettorato Territoriale del Lavoro. Nel modulo, il dipendente oltre a verificare la correttezza dei dati precaricati e ad inserire le informazioni richieste, deve selezionare l’opzione “dimissioni per giusta causa” e indicare il giorno di decorrenza delle stesse e l’ultimo giorno di lavoro in azienda.

L’invio del modulo può avvenire in autonomia collegandosi al sito www.cliclavoro.gov.it (è necessario possedere lo SPID) o tramite intermediari abilitati: patronati, consulenti del lavoro, sindacati, enti bilaterali, commissioni di certificazione e sedi territoriali dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

Le dimissioni possono essere revocate entro sette giorni dalla trasmissione utilizzando la stessa modalità prevista per l’invio.

Dimissioni giusta causa: cosa spetta al lavoratore

Il lavoratore che si dimette per giusta causa da un rapporto a tempo determinato ha diritto al risarcimento del danno, che il datore di lavoro corrisponderà in busta paga. Il relativo calcolo si basa  sulla retribuzione cui avrebbe avuto diritto se il contratto fosse arrivato a scadenza (a meno che non abbia trovato un’altra occupazione) compresa la tredicesima o eventuale quattordicesima a seconda del contratto collettivo applicato.

Durante il periodo di prova il dipendente può recedere in modo legittimo dal contratto a termine. In questo caso non è necessaria alcuna motivazione e le dimissioni possono essere presentate anche verbalmente. Tuttavia, per un’esigenza di certezza dei dati, è preferibile che il lavoratore consegni al datore una comunicazione scritta in cui rassegna le proprie irrevocabili dimissioni indicanti l’ultimo giorno di lavoro effettuato in prova.

La durata del periodo di prova è stabilita nel contratto di lavoro, ma nel caso si rinvii al Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro, ci si attiene a quanto da esso indicato.

Dimissioni dal contratto a tempo determinato senza giusta causa

Le dimissioni prive di giusta causa e presentate al di fuori del periodo di prova costituiscono un’inosservanza del contratto di lavoro. In tal caso, il datore può chiedere il risarcimento del danno al dipendente, che consiste in una somma di denaro da trattenere in busta paga a discrezione dell’azienda.

Questa può avere un importo diverso rispetto agli stipendi cui il lavoratore avrebbe avuto diritto se non si fosse dimesso. Infatti, possono essere presi in considerazione elementi che riguardano l’attività di produzione e la sua pianificazione a medio o lungo termine.

Ad esempio, se il danno arrecato all’azienda con le dimissioni senza giusta causa del dipendente a tempo determinato viene ritenuto grave per pessima tempistica e/o per la difficoltà nel sostituirlo (magari perché svolge una mansione altamente specializzata), il risarcimento potrebbe essere più alto.

Dimissioni nel rapporto di lavoro a termine: cosa deve fare il datore

A prescindere da ciò che può ricevere l’azienda dal punto di vista economico, una volta ricevute le dimissioni del dipendente a tempo determinato via PEC, il datore di lavoro è obbligato a comunicarle entro cinque giorni dall’evento (l’ultimo giorno di lavoro) al Centro per l’Impiego tramite l’invio del modello Unilav.

Nel modello deve essere indicato se le dimissioni sono ordinarie o per giusta causa, insieme all’ultimo giorno di lavoro effettuato dal dipendente.

Informazioni su Carmine Orlando 202 Articoli
Nato a Milano nel 1971 ma campano d'adozione, ho sempre avuto una grande passione per la scrittura, pur lavorando come libero professionista in altri settori. La scoperta del Web Copywriting e il vasto quanto complesso mondo della SEO mi ha conquistato, tanto da aver intrapreso un lungo percorso di formazione a aver trasformato un hobby in una fonte primaria di guadagno. Sono stato per anni coordinatore della redazione per CentroMeteoItaliano.it, ho collaborato con Money.it, con Notizieora.it e con BlastingNews.com.