Quando si presenta il 730/2021 senza sostituto d’imposta?

modello 730 2021 senza sostituto d'imposta

Il modello 730/2021 senza sostituto d’imposta rappresenta la dichiarazione dei redditi effettuata da chi non ha un datore di lavoro, che in qualità di sostituto d’imposta effettua le operazioni di conguaglio fiscale, siano esse a credito o debito.

Quando può essere utilizzato il 730 senza sostituto

Il mod. 730/2021 senza sostituto d’imposta, può essere utilizzato dai contribuenti privi di un datore di lavoro che effettui le suddette operazioni e che hanno conseguito nell’anno 2020 redditi di pensione e da lavoro dipendente o assimilati. Entrando nello specifico:

  • redditi di lavoro dipendente ai sensi dell’articolo 49 del TUIR;
  • borse di studio o assegni, premi o sussidi per finalità di studio o di addestramento professionale;
  • somme incassate da soci di cooperative di servizi, produzione e lavoro, di cooperative agricole e di piccola pesca;
  • somme percepite per cariche di amministratore, sindaco, revisore di società, associazioni ed enti, per la collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie e affini, per collaborazioni occasionali, per contratti co.co.co, per la partecipazione a collegi e commissioni;
  • retribuzione sacerdoti;
  • somme percepite per cariche elettive, esclusi i membri del Parlamento europeo;
  • assegni periodici alla cui produzione non concorrono né capitale né lavoro, inclusi quelli corrisposti al coniuge (non per i figli) a seguito di separazione, divorzio o annullamento del matrimonio e assegni corrisposti per testamento e donazione modale, assegni familiari a favore di persone indicate nell’articolo 433 del codice civile;
  • compensi ricevuti per lavori socialmente utili.

Compilazione del 730 senza sostituto d’imposta e tempi di attesa per detrazioni e rimborsi

In fase di compilazione del modello 730 a differenza di quanto accade con il 730 classico, vanno barrate le due caselle indicanti l’assenza del datore di lavoro (lettera A nella casella “730 senza sostituto” e nel riquadro “Dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio” la casella “Mod. 730 dipendenti senza sostituto”. Diversamente, si sarebbero dovute indicare le generalità del datore di lavoro.

Se per le detrazioni fiscali Irpef non cambia nulla in relazione a scadenze e trasmissione, per quanto concerne eventuali rimborsi Irpef i tempi cambiano, così come accade per le regole da seguire in caso di modello 730 a debito.

Quando viene rilevato un credito dalla dichiarazione 730, il relativo rimborso Irpef viene erogato dall’Agenzia delle Entrate e i tempi di attesa sono lunghi, circa quattro mesi.

Qualora si evinca la presenza di un debito Irpef, il pagamento deve essere effettuato dal contribuente utilizzando il modello F24 a partire dal mese di luglio.

Modalità di presentazione del 730 senza sostituto d’imposta

Se il 730 precompilato senza sostituto è presentato direttamente all’Agenzia delle Entrate, nella sezione del portale dedicata, il contribuente può procedere al pagamento online oppure stampare il modello F24 per effettuare il pagamento con le modalità ordinarie.

Per questa operazione, il contribuente deve munirsi delle credenziali rilasciate dall’INPS oppure tramite SPID, Carta d’Identità Elettronica, Carta Nazionale dei Servizi, codice PIN.

La presentazione del modello 730 può essere effettuata anche tramite un CAF che utilizza la dichiarazione precompilata messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Partita il 10 maggio, il 730/2021 può essere inviato fino alla data di scadenza fissata al 30 settembre.

Chi è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi tramite 730/2021

I soggetti tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi utilizzando il modello 730 sono i contribuenti che hanno conseguito redditi di lavoro dipendente e assimilati (co.co.co. e contratti di lavoro a progetto); di terreni e fabbricati anche se situati all’estero; di capitale; di lavoro autonomo per cui non è richiesta la partita IVA; assoggettabili a tassazione separata (vedi sezione II – Quadro D).

Possono utilizzare il 730 anche i contribuenti che devono dichiarare i redditi conseguiti nell’anno 2020 e quelli che nel 2021 risultano beneficiari di indennità di mobilità o disoccupazione. Inoltre, insegnanti e giudici costituzionali, chi ha incarichi pubblici elettivi.

Il modello 730 può essere utilizzato anche dai lavoratori che hanno percepito esclusivamente redditi da contratto co.co.co tra giugno e luglio 2020 e sono a conoscenza dei dati del sostituto d’imposta che deve effettuare il conguaglio. Inoltre, i produttori agricoli che non sono tenuti a presentare la dichiarazione dei sostituti d’imposta (Mod. 770), IRAP e IVA.

LEGGI ANCHE:

Informazioni su Carmine Orlando 221 Articoli
Nato a Milano nel 1971 ma campano d'adozione, ho sempre avuto una grande passione per la scrittura, pur lavorando come libero professionista in altri settori. La scoperta del Web Copywriting e il vasto quanto complesso mondo della SEO mi ha conquistato, tanto da aver intrapreso un lungo percorso di formazione a aver trasformato un hobby in una fonte primaria di guadagno. Sono stato per anni coordinatore della redazione per CentroMeteoItaliano.it, ho collaborato con Money.it, con Notizieora.it e con BlastingNews.com.