Stralcio cartelle: ecco le istruzioni dell’Agenzia delle entrate

Stralcio delle cartelle esattoriali sono arrivate le indicazioni predisposte dall’Agenzia delle entrate. Ecco cosa contengono.

Stralcio cartelle: quali sono i debiti che saranno cancellati

Con la circolare n. 11/E del 24 settembre 2021 dell’Agenzia delle entrate si vogliono offrire ai contribuenti dei chiarimenti in merito a quanto stabilito dal Decreto sostegni. Infatti saranno sottoposti ad annullamento automatico tutti i debiti di imposto residuo, alla data del 23 marzo 2013, fino a 5 mila euro. L’importo comprende il capitale, gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultati dai singoli carichi affidati all’agente della riscossioni. Debiti compresi dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2010. Il limite di 5 mila fa riferimento ai singoli carichi iscritti al ruolo. Quindi ne deriva che, in caso si pluralità di incarichi, se i singoli debiti non superano il limite, possono beneficiare tutti dell’annullamento. Non possono essere cancellati i debiti che riguardano:

  • somme dovute a titolo di recupero aiuti di stato;
  • multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze di condanna;
  • crediti derivanti da sentenze di condanna della Corte dei Conti;
  • IVA riscossa all’importazione.

Stralcio cartelle: il limite dei 30 euro

Esistono anche cartelle il cui limite è fissato a 30 mila euro, ma riguarda le seguenti persone:

  • persone che hanno percepito, nell’anno d’imposta 2019, un reddito imponibile ai fini delle imposte sui redditi fino a 30 mila euro;
  • i soggetti diversi dalle persone fisiche che hanno conseguito, nel periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2019, un reddito imponibile ai fini delle imposte sui redditi fino a 30 mila euro.

In particolare per le persone fisiche ai fini del calcolo del limite, si applicano le riduzioni, detrazioni o benefici, anche di natura non tributaria. In altre parole occorre considerare anche le somme assoggettate a cedolare secca, derivante da contratti di locazione. Occorre anche considerare l’imposta sostitutiva relativa al regime forfettario per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni.

Annullamento e scadenze degli adempimenti

L’agente della riscossione provvede in autonomia allo Stralcio senza inviare alcuna comunicazione al contribuente, che può tuttavia verificare l’intervenuto annullamento dei debiti attraverso la consultazione della propria situazione debitoria che può essere richiesta con le modalità rese disponibili dall’agente della riscossione. A seguire l’elenco completo delle scadenze e degli adempimenti.

Entro il 20 agosto 2021L’agente della riscossione trasmette l’elenco dei codici fiscali dei soggetti ammissibili allo Stralcio (con l’esclusione di quelli indicati all’art. 4, comma 9, del d.l. n. 41 del 2021)
Entro il 30 settembre 2021L’Agenzia delle entrate segnala i codici fiscali che restano fuori per superamento del requisito reddituale
Entro il 31 ottobre 2021L’agente della riscossione procede con l’annullamento automatico dei debiti (nel caso di coobbligazione, non si procede con l’annullamento se uno dei coobbligati non ne ha diritto)
31 ottobre 2021A tale data i debiti si intendono annullati
Entro il 15 novembre 2021L’agente della riscossione presenta al Ministero dell’economia e delle finanze la richiesta di rimborso delle spese di notifica delle cartelle di pagamento, nonché di quelle per le procedure esecutive, relative alle quote, erariali e non, annullate per effetto dello Stralcio
Entro il 30 novembre 2021L’agente della riscossione segnala l’elenco delle quote di debito annullate agli enti creditori
Entro il 31 dicembre 2021È previsto il versamento della prima rata del rimborso delle spese di notifica e di quelle per le procedure esecutive a favore dell’agente della riscossione
Entro il 30 giugno 2022È previsto il versamento della seconda rata del rimborso delle spese di notifica e di quelle per le procedure esecutive a favore dell’agente della riscossione

Fonte: Agenzia delle entrate- Circolare 11/E

Informazioni su Francesca Cavaleri 196 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Attualmente sono coordinatrice di ItValverde, in cui raccontiamo le eccellenze del territorio. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.