Concorso per 2.022 posti da funzionari: requisiti, domanda, suddivisione per ruolo e Regione

Concorso per 125 funzionari al MUR: il bando

Il 15 novembre 2021 entro le ore 14, scade la domanda di presentazione al concorso pubblico indetto per 2.022 funzionari laureati da assumere a tempo determinato nelle Regioni del Sud Italia, di cui 1.270 dovranno ricoprire il ruolo di funzionario esperto tecnico. Il bando del nuovo concorso RIPAM è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, serie concorsi n.82 del 15 ottobre 2021.

Concorso 2.022 funzionari: requisiti di ammissione

Per partecipare al concorso che mette a disposizione 2.022 posti da funzionario, bisogna possedere la cittadinanza italiana o di quella di uno Stato membro UE, aver compiuto 18 anni, far parte dell’elettorato attivo, godere dei diritti civili e politici, non essere stato destituito dall’impiego statale per scarso rendimento o comunque non essere stato licenziato da un’occupazione presso una Pubblica Amministrazione, non aver riportato condanne penali che comporterebbero l’interdizione dai pubblici uffici.

Tutti i candidati devono aver conseguito una laurea triennale specifica in relazione al profilo professionale ricercato.

La figura professionale più richiesta è quella di funzionario esperto tecnico (1.270 posti) che saranno così collocati nelle varie Regioni:

  • 116 unità nella Regione Abruzzo;
  • 53 unità nella Regione Basilicata;
  • 168 unità nella Regione Calabria;
  • 287 unità nella Regione Campania;
  • 31 unità nella Regione Molise;
  • 197 unità nella Regione Puglia;
  • 164 unità nella Regione Sardegna;
  • 234 unità nella Regione Sicilia.

Il funzionario esperto tecnico deve essere competente in materia di supporto e progettazione tecnica, in esecuzione di opere e interventi pubblici e gestione delle procedure legate alla loro realizzazione. Nello specifico, ecco le lauree richieste per ricoprire questo ruolo. I seguenti titoli di studio devono essere in possesso dei candidati entro la data di scadenza della domanda:

  • laurea triennale in: Beni culturali; Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali; Ingegneria civile e ambientale; Scienze dell’architettura; Scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale; Scienze e tecniche dell’edilizia; Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura; Scienze geologiche.
  • laurea magistrale in: Conservazione dei beni architettonici e ambientali; Conservazione e restauro dei beni culturali; Ingegneria civile; Ingegneria dei sistemi edilizi; Ingegneria della sicurezza; Architettura del paesaggio; Architettura e ingegneria edile-architettura; Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale; Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio; Scienze e tecnologie geologiche; Scienze geofisiche; Ingegneria per l’ambiente e il territorio; Ingegneria gestionale.

La domanda

La domanda di partecipazione al concorso deve avvenire esclusivamente per via telematica, accedendo tramite SPID e compilando il modulo elettronico sul sistema «Step-One 2019», raggiungibile in rete all’indirizzo «https://ripam.cloud» mediante registrazione sul sistema del candidato che deve essere in possesso di una PEC. La quota di partecipazione è di 10,00 euro.

Per la selezione è prevista una prova scritta per ogni tipologia di figura ricercata e sarà stilata una graduatoria a parte secondo il ruolo da ricoprire.

La prova scritta

Il concorso prevede una prova scritta che differisce per ciascuna delle figure ricercate. I candidati al ruolo di funzionario esperto tecnico dovranno rispondere a 40 quesiti a risposta multipla nel tempo massimo di 60 minuti. Il minimo punteggio per superare la prova è di 21/30: ad ogni risposta esatta verranno assegnati 0,75 punti; zero punti per la mancata risposta; penalità di 0,2 punti per ogni risposta errata.

Ai candidati è richiesta la conoscenza della lingua inglese basica e delle tecnologie informatiche più comuni, in scienza e tecnica delle costruzioni e la sezione di legislazione in materia edilizia e urbanistica.

La graduatoria finale sarà pubblicata sul sito del Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri, sul sistema «Step-One 2019» che viene aperto a tutti i partecipanti dopo il pagamento della quota di partecipazione al concorso e sul sito http://riqualificazione.formez.it.

Gli altri profili professionali posti a concorso

733 posti da funzionario esperto in gestione, rendicontazione e controllo con con competenza in materia di supporto alla programmazione e pianificazione degli interventi, nonché alla gestione, al monitoraggio e al controllo degli stessi ivi compreso il supporto ai processi di rendicontazione richiesti dai diversi soggetti finanziatori, anche attraverso l’introduzione di sistemi gestionali più efficaci e flessibili tra le amministrazioni e i propri fornitori. La suddivisione dei posti per Regione:

  • 74 unità nella Regione Abruzzo;
  • 40 unità nella Regione Basilicata;
  • 94 unità nella Regione Calabria;
  • 189 unità nella Regione Campania;
  • 21 unità nella Regione Molise;
  • 149 unità nella Regione Puglia;
  • 88 unità nella Regione Sardegna;
  • 78 unità nella Regione Sicilia.

Inoltre, sempre attraverso il concorso Ripam per funzionari, è richiesto il profilo professionale di funzionario esperto analista informatico con competenza in materia di analisi dei sistemi esistenti e definizione di elementi di progettazione di dati logici per i sistemi richiesti dai fabbisogni di digitalizzazione delle amministrazioni. Identificazione e progettazione di chiavi per i dati e definizione di cataloghi di dati. Definizione e realizzazione delle condizioni di interoperabilità per l’acquisizione e scambio di dati utili alle amministrazioni. La suddivisione dei 19 posti per Regione: 

  • 7 unità nella Regione Abruzzo;
  • 1 unità nella Regione Basilicata;
  • 1 unità nella Regione Molise;
  • 2 unità nella Regione Puglia;
  • 4 unità nella Regione Sardegna;
  • 1 unità nella Regione Sicilia.
Informazioni su Carmine Orlando 405 Articoli
Nato a Milano nel 1971 ma campano d'adozione, ho sempre avuto una grande passione per la scrittura, pur lavorando come libero professionista in altri settori. La scoperta del Web Copywriting e il vasto quanto complesso mondo della SEO mi ha conquistato, tanto da aver intrapreso un lungo percorso di formazione a aver trasformato un hobby in una fonte primaria di guadagno. Sono stato per anni coordinatore della redazione per CentroMeteoItaliano.it, ho collaborato con Money.it, con Notizieora.it e con BlastingNews.com.