Rottamazione ter e saldo e stralcio il comunicato stampa

Rottamazione ter e saldo e stralcio sono l’oggetto del comunicato stampa dell’Agenzie delle entrate sezione Riscossione. Ecco cosa contiene.

Rottamazione ter e saldo e stralcio: le Faq dell’Agenzie delle entrate Riscossione

L’Agenzia delle entrate Riscossione ha pubblicato un comunicato stampa affrontando il tema della rottamazione ter e del salgo e stralcio in base al Decreto fiscale approvato. In particolare il provvedimento prevede dei tempi più lunghi per il pagamento di cartelle notificate dall’agente della riscossione tra il primo settembre ed il 31 dicembre 2021.

Tuttavia si tratta di una nuova opportunità per il contribuente ritardatario che ha perso il beneficio della “Rottamazione Ter” e del “Saldo e stralcio” per non aver rispettato i termini di pagamento previsti per lo scorso anno. Inoltre sono previsti magrini più ampi per la rateizzazione dei debiti erano già in corso alla data dell’8 marzo 2020. Si ricorda che da 9 marzo 2020 a maggio dello stesso anno tutta l’Italia è entrata in Lock down e con esso tutto si è bloccato, anche i debiti nei confronti dell’Erario.

Cinque mesi per pagare le cartelle e la chance del 30 novembre

Il DL n.146/2021 allunga da 60 a 150 giorni (ben 5 mesi) il termine per effettuare il pagamento delle cartelle di pagamento notificate dall’Agenzia delle entrate- Riscossione nel periodo tra il primo ed il 31 dicembre 2020. Pertanto sono saranno previsti interessi di mora per tutti i 150 giorni. Inoltre l’agente addetto alla riscossione non potrà procedere con l’attività di recupero.

Anche in merito alla rottamazione sono previste delle novità. Infatti sarà possibile versare entro il 30 novembre 2021 le rate non pagate dal 31 luglio al 31 ottobre. Inoltre entro la stessa data, per non perdere i benefici delle agevolazioni previste, devono essere anche versate le rate del piano di pagamento della Rottamazione ter e del Saldo e stralcio che erano in scadenza nell’anno 2021.

Rottamazione ter e salgo e stralcio, altri 18 mesi

Per i piani di rottamazione già in corso prima dell’8 marzo è prevista l’estensione da 10 a 18 del numero di
rate che, in caso di mancato pagamento, determinano la decadenza della dilazione (per i soggetti con residenza, sede legale o la sede operativa nei comuni della c.d. “zona rossa” la sospensione decorre dal 21 febbraio 2020). Tuttavia vine differito dal 30 settembre al 31 ottobre 2021 il termine per pagare le rate che erano in scadenza nel periodo di sospensione dell’attività di riscossione.

Mentre per le rateizzazioni approvate dopo giorno 8 marzo e quelle relativa a richieste presentate entro il 31 dicembre 2021, la decadenza di avrà nel mancato pagamento di 10 rate. Infine per la rateizzazione dal primo gennaio 2022, la decadenza si verificherà dopo il mancato pagamento di 5 rate.

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 267 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Attualmente sono coordinatrice di ItValverde, in cui raccontiamo le eccellenze del territorio. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.