Come comprare una casa all’asta, tutto quello che bisogna sapere

Comprare casa all’asta incuriosisce molti italiani che sono sempre più attratti da questo modo di possedere un immobile, ecco perché.

Come comprare una casa all’asta, ecco come fare

Comprare casa all’asta vuol dire entrare in un processo di compravendita mediate offerte che si conclude con la vendita al migliore offerente dell’immobile. In questo caso esiste un prezzo mimino o di riserva, che viene anche detto base d’asta. Rappresenta il prezzo minimo richiesto per la cessione del bene.

Tuttavia è raro che un immobile venga venduto a questo prezzo, perché nel caso in cui vi sia la possibilità di rilancio, i contendenti di un immobile, fanno inevitabilmente alzare il prezzo. Ma andiamo con ordine spiegando come si partecipa ad un’asta.

Comprare casa all’asta, come si partecipa

Chiunque può partecipare ad un’asta immobiliare. Non ci sono caratteristiche stabilite, ciò che conta è capire e conoscere l’immobile che si vuol comprare. Ogni partecipante dovrà presentare un’offerta in busta chiusa e senza segni di riconoscimento, contenente l’indicazione del prezzo offerto. All’interno una cauzione pari al 10% di prezzo. E’ un valore orientativo perché l’annuncio dell’asta può indicare cose diverse.

Unitamente a copia dei documenti richiesti dal bando di vendita cui dovrà esser fatto riferimento. Occorre inoltre, munire l’offerta con una marca da bollo da €16,00 euro. Meglio anche indicare il modo in cui verrà effettuato il pagamento, in caso di aggiudicazione dell’immobile. E’ possibile anche indicare la pre- delibera di mutuo. In questo caso, se si pensa di aver bisogno di un istituto di credito per espletare la vendita, occorre farsi rilasciare dalla banca la pre delibera, cioè la sicurezza che si hanno a diposizione i soldi per comprare la casa. L’offerta è irrevocabile e tutte le buste verranno aperte durante l’asta.

Come si prendere conoscenza delle aste presenti sul un territorio

E’ possibile venire a sapere della presenza delle aste anche da molti quotidiani. Infatti molti giornali detengono al loro interno delle rubriche interamente dedicate agli avvisi d’asta. Ma non mancano anche i siti online. Il sito ufficiale dove è possibile consultare l’archivio nazionale è www.astegiudiziarie.it. A questo punto basta selezionare il tipo di asta a cui voler partecipare: immobili, aziende, immateriali e mobili e inserire i dati richiesti. Basta una semplice ricerca per luogo e prezzo che si vuole spendere per conoscere l’offerta immobiliare.

Per ogni singolo immobile ci sono tutte le informazioni necessarie. Tra queste le caratteristiche della casa, piano, condizioni, descrizione. Presente anche la perizia che è stata fatta sulla casa e la documentazione visibile. Importante anche l’avviso di pubblicazione che contiene:

  • indirizzo dove si trova l’immobile;
  • luogo, data ed ora in cui si terrà l’asta;
  • prezzo base;
  • rilancio minimo;
  • termine di presentazione delle offerte;
  • modalità di vendita

E’ possibile vedere un’immobile prima di comprare all’asta?

La risposta è si. Un immobile viene affidato alla figura custode giudiziario.  Il custode giudiziario, secondo quanto stabilito dall’articolo 559 c.p.c., è quel professionista che ha il compito di gestire e amministrare le case pignorate fino al momento della loro vendita, per garantirne l’integrità e la conservazione in uno stato ottimale.

Pertanto la vista presso l’immobile è sempre possibile, ma dietro un appuntamento stabilito. Anche sull’avviso è indicato il modo per richiedere il servizio, che può essere fatto dal custode, dal debitore o dall’occupante. Occorre stabile data ed ora e la visita è possibile. I recapiti e il nominativo del custode sono contenuti sull’avviso di vendita.

I tipi di asta esistenti

L’asta può essere con o senza incanto. L’incanto è quello nell’immaginario, ma anche nella realtà in cui vi è il banditore d’asta e i partecipanti rilanciano per accaparrarsi l’immobile. Una gara di offerte tra i potenziali acquirenti presenti all’apertura delle buste. E così, secondo le regole del rilancio minimo, ogni partecipante cerca di aggiudicarsi la casa. Al vincitore verrà dato il decreto di trasferimento, che contiene:

  • il trasferimento della proprietà;
  • la descrizione completa dell’immobile;
  • la relativa documentazione urbanistica;
  • le formalità che gravano sull’immobile e la relativa cancellazione dopo 20 giorni dal decreto;
  • la fiscalità inerente all’acquisto;
  • eventuale tassazione

La vendita invece è senza incanto quando non vi sono i rilanci. Ad esempio il giudice può valutare le proposte fatte dai vari partecipanti, e se ve ne è una che soddisfa i criteri stabili dal giudice, si può passare all’assegnazione. Pertanto comprare casa all’asta è possibile, non è difficile, ma attenzione perché il più del gioco è fare la giusta offerta e che rispetti quanto stabilito dall’avviso.

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 267 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Attualmente sono coordinatrice di ItValverde, in cui raccontiamo le eccellenze del territorio. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.