Avvisi bonari 2017 e 2018, più tempo per pagare e cancellazione delle sanzioni

Servizi fiscali online Agenzia delle Entra

Tempi più lunghi per pagare gli avvisi bonari relativi agli anni 2017 e 2018. È l’Agenzia delle entrate a dettare le regole sui tempi di pagamento con il provvedimento numero 345838 del 3 dicembre 2021. I benefici si estendono anche all’eliminazione delle sanzioni e degli importi aggiuntivi presenti nell’avviso. Saranno ammessi al beneficio anche i contribuenti il cui periodo di imposta non coincide con l’anno solare. L’attesa, adesso, è per il provvedimento che introdurrà il modello che i contribuenti dovranno utilizzare per l’autodichiarazione.

Avvisi bonari, più tempo per pagare quelli emessi negli anni 2017 e 2018

I tempi più lunghi per sanare gli avvisi bonari dei contribuenti per gli anni 2017 e 2018 sono dettati dalla necessità di un maggior periodo per la compilazione e per l’invio dell’autodichiarazione necessaria secondo quanto prevede la norma. L’autodichiarazione deve essere inoltrata, infatti, entro 60 giorni dall’approvazione del modello che verrà predisposto dall’Agenzia delle entrate. In alternativa, nel caso in cui il termine dovesse rivelarsi più favorevole, i 60 giorni devono intendersi calcolati a partire dal pagamento dell’intero importo oppure dal versamento della prima rata degli importi richiesti.

Avvisi bonari, cancellazione sanzioni e importi aggiuntivi per contribuenti con riduzione volume di affari

Il maggior periodo di tempo non è, tuttavia, l’unica novità relativa agli avvisi bonari inerenti gli anni 2017 e 2018. L’agevolazione riguarda infatti la cancellazione delle sanzioni e degli importi aggiuntivi presenti negli avvisi bonari (o comunicazione di irregolarità). La cancellazione di sanzioni e importi aggiuntivi riguarda i contribuenti Iva che abbiano registrato una diminuzione di più del 30% del volume di affari del 2020 confrontato con il 2019.

Chi può accedere alle misure agevolate degli avvisi bonari del 2017 e 2018?

Pertanto, i contribuenti che vogliano beneficiare della misura dovranno fare il confronto del totale dei compensi e dei ricavi del 2020 rispetto a quelli del 2019. Il beneficio è esteso anche ai soggetti che non erano obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi per almeno uno dei due periodi di imposta. Il provvedimento 345838 contiene, inoltre, un prospetto allegato nel quale sono riportati i campi delle dichiarazione dei redditi dei due periodi di imposta. Tale prospetto aiuta il contribuente a ricostruire il totale dei compensi e dei ricavi del 2020 e del 2019.  L’Agenzia delle entrate specifica, infine, che al beneficio possono accedere anche i soggetti che hanno un periodo di imposta non coincidente con l’anno solare.

Partite Iva attive al 23 marzo 2021, come accedere all’agevolazione degli avvisi bonari?

Nel suo provvedimento, l’Agenzia delle entrate specifica anche che le partite Iva attive al giorno del 23 marzo 2021, che non sono obbligati a presentare la dichiarazione annuale dell’Iva per almeno uno dei due periodi (2019 e 2020), accedono alle agevolazioni sugli avvisi bonari del 2017 e 2018 purché abbiano rilevato una diminuzione di oltre il 30% del totale dei compensi e dei ricavi del periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020 in rapporto ai compensi e ricavi del periodo di imposta del 2019. I compensi e i ricavi devono risultare dalle dichiarazioni dei redditi dei rispettivi anni di imposta.