Pronto nuovo modello 730: quali novità per il 2022?

modello 730

Non abbiamo fatto in tempo a finire la stagione reddituale 2021 che già entra in scena la nuova, con il modello 730/2022 già approvato dall’Agenzia delle Entrate.

Con il classico provvedimento di approvazione da parte dell’Agenzia delle Entrate, fuoriuscito lo scorso 14 gennaio, il nuovo modello è già nella sua  versione definitiva.

Necessario quindi fare un primo punto sulle novità che il modello presenta rispetto allo scorso anno. Ci sono infatti alcune nuove agevolazioni che i contribuenti potranno sfruttare nella campagna reddituale 2022 che riguarda, come sempre, l’anno di imposta 2021. Vediamo in questa sintetica guida un primo ventaglio di novità con cui i contriibuenti avranno presto a che fare.

Nuovo modello 730, cosa c’è di nuovo?

Trovano spazio nel modello 730/2022 nuovi bonus fruibili in dichiarazione. Il modello 730 resta il primo modello con cui i contribuenti possono adempiere all’obbligo dichiarativo. E si tratta del modello senza dubbio più utilizzato perché riguarda lavoratori dipendenti e pensionati.

Entrano nel modello i nuovi Bonus che i contribuenti hanno potuto sfruttare nell’anno 2021. Come prassi infatti, il modello 730 riguarda l’anno di imposta precedente, ovvero l’anno 2021. Tra le nuove agevolazioni, alcune molto note come il superbonus 110%, ma anche quello sull’acquisto degli elettrodomestici, che non è una novità ma che ha subito un potenziamento.

Le novità del 730

Una novità interessante è il bonus musica per gli under 18 che riguarda sostanzialmente le spese di iscrizione ai corsi di musica riconosciuti. Parliamo di conservatori, scuole AFAM, scuole di musica iscritte nei registri detenuti dalle Regioni o riconosciute da una pubblica amministrazione. Bonus fruibile anche per le iscrizioni a cori e bande cittadine.

Uno sguardo anche agli animali domestici, che ogni anno danno diritto alla detrazione per le spese veterinarie alla pari di quelle sanitarie, cioè al 19%. Nel 2022 con il nuovo modello 730 salgono i limiti fino ai quali sarà possibile detrarre le spese veterinarie. Per quelle sostenute nell’anno di imposta 2021 si ha diritto a detrarre fino al tetto massimo di 550 euro. Significa poter recuperare fino a 104,50 euro per le spese sostenute per il proprio animale domestico.

Novità per la cedolare secca. Per le locazioni brevi, ecco il limite dei 4 immobili per ogni singolo contribuente su cui si può adottare il beneficio della cedolare secca. Una limitazione questa rispetto a quanto previsto per la scorsa stagione reddituale.

Nuovo modello 730,le date utili

Va ricordato che al momento, sempre che non sopraggiungano proroghe, mai da escludere in materia dichiarazione dei redditi, la stagione si aprirà il 30 aprile prossimo. Si tratta di una data da segnare sul calendario dal momento che è quella a partire dalla quale le Entrate andranno a mettere a disposizione dei contribuenti il 730/2022 in versione precompilata nei loro cassetti fiscali.

Ad oggi, si conosce anche la data di fine del 730 per la stagione 2022. Sempre con le dovute cautele di cui parlavamo prima la scadenza per la trasmissione è fissata al 30 settembre.

Nuovo Bonus Irpef e bonus 110%

Per il nuovo 730 non si può non parlare del bonus di 1.200 euro che ha sostituito il bonus Renzi da 80 euro. Parliamo del bonus Irpef, che nel 2021 è diventato più vasto come applicazione e più ricco dopo la fase transitoria del 2020.

Per l’anno d’imposta 2021, il bonus da 1.200 euro è destinato ai soggetti con redditi non superiori a 28.000 euro. Ma c’è anche  e la nuova detrazione fiscale estesa fino ai titolari di redditi fino alla soglia dei 40.000 euro. Dopo il doppio regime del 730 2021, quando ci fu da distinguere tra Bonus Renzi erogato fino al 30 giugno 2020 e Bonus Irpef erogato dal primo luglio al 31 dicembre 2020, per l’anno di imposta 2021 stop al doppio regime.

Nel nuovo modello 730 c’è anche il superbonus 110 per cento che viene previsto per una serie di interventi sulle unità immobiliari. Parliamo dell’abbattimento delle barriere architettoniche collegate però ad interventi quali il sismabonus e gli ecobonus.

Va ricordato che se gli interventi collegati alla rimozione delle barriere architettoniche non sono quelli che comunemente si chiamano  lavori trainati, c’è sempre il bonus del 75%.

Le altre novità principali del nuovo modello di dichiarazione dei redditi

Altra agevolazione è quella del bonus prima casa per gli under 36 con Isee pari o inferiore a 40.000 euro.

Sale il limite di spesa per godere del cosiddetto bonus mobili, sempre in relazione alle spese sostenute nel 2021.La soglia è pari a 16.000 euro. Una soglia valida solo quest’anno, perché è già stato deciso di ridurla per le spese sostenute quest’anno e che andranno indicate nelle dichiarazioni dei redditi del 2023.Per le spese 2022 la soglia sarà fino a massimo 10.000 euro e per il 2023 ancora meno, fissata infatti a 5.000 euro (ma sarà così anche per il 2024).

Un’altra novità importante riguarda la sostituzione dei generatori di energia come lo sono i gruppi elettrogeni. La loro sostituzione con quelli di ultima generazione rientra nei bonus dedicati alla casa. Dentro le nuove detrazioni o agevolazioni, anche quella per le spese sostenute per i depuratori di acqua, che però necessitano di un adempimento burocratico. Parliamo della comunicazione da inviare all’Agenzia delle Entrate in maniera telematica e nel periodo compreso tra primo febbraio 2022 e 28 febbraio 2022. Un adempimento da tenere in considerazione  per poter godere della possibilità di scaricare dal reddito anche questa tipologia di spesa.

Informazioni su B. A. 263 Articoli
Sindacalista, operatore di Caf e Patronato, esperto in materia previdenziale, assistenziale, lavorativa e assicurativa. Da 25 anni nel campo, appassionato di scrittura e collaboratore con diversi siti e organi di informazione.