Smart working quest’anno, cosa c’è da aspettarsi per il 2022

Smart working

Lo smart working sta sempre più diffondendosi nel nostro sistema lavoro italiano. Quali sono le nuove regole per il lavoro agile?

Smart working quest’anno, viene ancora scelto dalle aziende

Lo smart working è sempre una scelta più scelta da imprese e lavoratori in Italia. Ciò che ci si aspetta per quest’anno è avere una normativa univoca che possa regolare il lavoro agile per le imprese nel nostro paese. Se si considera che circa 7 milioni di lavoratori lo scorso anno hanno lavorato così, si può valutare l’importanza del cambiamento nel modo di lavorare.

Anche perché questo dato non tiene conto di tutti coloro che non possono lavorare in smart working perché obbligati ad andare in sede.  E’ il caso di coloro che lavorano in fabbrica, nella produzione diretta, in cui il lavoro è più legato alla manualità e a macchinari presenti solo nei locali aziendal. Discorso molto diverso per chi lavora d’ingegno o di tipo manageriale e decisionale, che può quindi lavorare da qualsiasi posto. A volte basta un pc connesso ad internet per poter eseguire facilmente i proprio compiti.

Il Protocollo Nazionale sul lavoro agile nel settore privato

Il cambiamento nel modo di lavorare ha trovato un primo approccio di regolamentazione nel Protocollo Nazionale sul lavoro agile nel settore privato. Un documento redatto dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali. Si tratta di un accordo con le Parti sociali. Hanno aderito Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Confsal, Cisal, Usb, Confindustria, Confapi, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna, Casartigiani, Alleanza cooperative, Confagricoltura, Coldiretti, Cia, Copagri, Abi, Ania, Confprofessioni, Confservizi, Federdistribuzione, Confimi e Confetra.

L’accordo si basa su alcuni punti chiave:

  • adesione volontaria e subordinata ad un accordo privato voluto dalle parti;
  • accordo individuale, tra datore di lavoro e lavoratore dipendente come definito dagli articoli 19 e 21 della L. n. 81/2017 e secondo quanto eventualmente previsto dalla contrattazione collettiva;
  • disconnessione, proprio perché non vi è un orario univoco di lavoro;
  • luogo e strumenti di lavoro che possono anche non essere definiti;
  • sicurezza, malattia ed infortuni che devono essere rispettati come qualsiasi lavoratore;
  • formazione;
  • parità di trattamento, lavoratori fragile e disabili. 

Le regole per la pubblica amministrazione

Anche nella pubblica amministrazione,  nel 2021, ha cercato di definire e regolare il lavoro agile. Infatti il 9 dicembre 2021 ha emanato il decreto sulle “Linee guida sul Piano organizzativo del lavoro Agile e gli indicatori di performance”. Un documento che intende fornire delle direttive per l’applicazione dello smart working all’interno della pubblica amministrazione.

Tuttavia entro ogni 31 gennaio deve essere redatto al fine di accompagnare l’evoluzione di questo nuovo approccio al lavoro anche nel settore pubblico. Questo documento si basa:

  • sul livello di attuazione e di sviluppo del lavoro agile;
  • sulle modalità attuative del lavoro agile;
  • i soggetti, i processi e gli strumenti del lavoro agile;
  • ed il programma di sviluppo.

Dunque per il 2022 c’è da aspettarsi un anno di assestamento, per l’introduzione e la regolamentazione in via definitiva dello smart working sia nel settore privato che nella pubblica amministrazione.

 

 

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 515 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.