Nuova visura catastale, una descrizione delle novità

La nuova visura catastale ha già fatto la sua comparsa per gli utenti. Ecco com’è cambiata rispetto alla precedente e le caratteristiche.

Nuova visura catastale, cos’è e a cosa serve?

La visura catastale è un documento, rilasciato dall’Ufficio Provinciale- Territorio dell’Agenzia delle entrate, che permette di acquisire molte informazioni relative agli immobili o ai terreni. Infatti leggendo una visura catastale è possibile conoscere:

  • i dati identificativi e di classamento;
  • i dati grafici dei terreni e delle unità immobiliari urbane;
  • l’indirizzo per le unità immobiliari urbane;
  • i dati anagrafici delle persone fisiche o giuridichem intestatarie catastali;
  • le causali di aggiornamento e annotazione.

Tuttavia è anche possibile consultare l’elaborato planimetrico e gli atti di aggiornamento catastale. Inoltre le informazioni catastali sono pubbliche e l’accesso è consentito a tutti, pagando i relativi tributi speciali catastali e nel rispetto della normativa vigente.

Come si richiede la nuova visura catastale?

Il servizio CONSULTAZIONE PERSOALE ONLINE consente di ottenere, gratuitamente e limitatamente agli immobili dei quali il richiedente risulta titolare di diritti reali. La visura catastale attuale o storica per gli immobili contiene i dati identificativi, il classamento, la superficie catastale e l’indirizzo. La nuova visura catastale ha un carattere più descrittivo. Contiene la visura della mappa con la rappresentazione della particella del catasto terreni, la planimetria dell’unità immobiliare urbana e l’ispezione ipotecaria.

Infine per accedere al servizio, disponibile nell’area personale di Fiscoline/ Entratel, con:

  • SPID, il sistema pubblico dell’Identità Digitale;
  • CIE, la Carta di identità Elettronica;
  • CNS, la carta Nazionale dei servizi;
  • le credenziali dell’agenzia delle entrate per l’accesso a Entratel/Fiscoline.

E’ possibile richiedere anche la visura catastale telematica. I file sono scaricabili tramite file pdf. Il servizio prevede il pagamento online, effettuato attraverso il sistema pagoPA, dei tributi speciali catastali previsti e delle commissioni applicate dal Prestatore di Servizi di Pagamento e dallo strumento di pagamento scelto.

Per ogni visura erogata dal servizio “Visura catastale telematica” l’importo dovuto è di:
– per ogni 10 unità immobiliari, o frazione di 10, in caso di visura per soggetto, 1,35 euro
– nel caso di visura, attuale o storica, per immobile, 1.35 euro
– in caso di visura della mappa, 1.35 euro.

Le caratteristiche del nuovo documento

E’ un documento più descrittivo e anche più facile da leggere, rispetto alla visura catastale precedente. In modo particolare per gli utenti che non sono esperti del settore immobiliare. L’esposizione dei dati all’interno della visura è organizzata in maniera tale da favorire una lettura più facile. Inoltre consente di fornire un maggior numero di informazioni, garantendo una migliore comprensione delle variazioni intervenute,nel corso degli anni, in merito alla titolarità dell’immobile.

Tuttavia la visura catastale è divisa nelle seguenti sezioni:

  • Intestazione della visura;
  • dati identificativi;
  • indirizzo;
  • dati di classamento;
  • dati di superficie;
  • intestazione dell’immobiliare.

Completano il documento alcuni dati contabili, con i riferimenti alla ricevuta di cassa, che riportano i dati di pagamento dei tributi speciali catastali. Infine, è presente una legenda in cui è fornito il dettaglio di alcuni termini tecnici utilizzati nella visura, per agevolarne la comprensione.

L’introduzione degli elementi grafici

Rispetto alla versione precedente, sono stati introdotti degli elementi grafici. Ad esempio un alberello per indicare gli immobili iscritti nel catasto terreni. Una casetta per gli immobili iscritti nel catasto fabbricati. Un omino nelle consultazioni per soggetto. Un foglio come simbolo riportato in corrispondenza delle informazioni relative alle “causali di aggiornamento ed annotazioni”. Ed infine un quadrato simbolo riportato per le visure “storiche” in corrispondenza ad ogni singolo periodo temporale in cui vengono esposte informazioni censuarie.

Tuttavia sul sito dell’Agenzia delle entrate è prevista anche una guida per l’interpretazione dei dati indicati. Anche se un consiglio semplice è quello di consultare un esperto, se non si comprende in modo chiaro cio’ che si legge. Soprattutto nel caso in cui la visura catastale è richiesta per l’acquisto di un immobile, dove oltre ai dati catastali occorre consultare anche quelli urbanistici. Per adesso comunque la nuova visura catastale sembra essere stata ben accolta dagli addetti ai lavori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 506 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.