Buono Fiere, da settembre la possibilità di prenotarlo

Il Buono Fiere sarà prenotabile dal mese di settembre. Ecco tutti i dettagli per presentare la domanda e come partecipare.

Buono Fiere, in cosa consiste la misura?

La partecipazione a Fiere ed expò può essere un’ottima vetrina per molte aziende che offrono i loro prodotti e servizi. L’incontro con i potenziali cliente è diretto e anche i feedback. Per questo motivo il Ministero dello sviluppo economico (mise) ha predisposto un buono per la partecipazione a questo tipo di manifestazioni.

La misura prevede un contributo a fondo perduto per un valore massimo di 10 mila euro che copre il 50% delle spese sostenute dalla imprese per partecipare a fiere internazionali organizzate sul territorio italiano. Tuttavia la partecipazione alle fiere deve avvenire nel lasso di tempo compresa tra il 16 luglio e il 31 dicembre 2022 (come indicato da Decreto aiuti). Esiste un calendario fieristico approvato dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome a cui è possibile partecipare ed ottenere il contributo.

Buono Fiere, da settembre l’invio della domanda

Il buono fiere è possibile prenotarlo a partire dalle ore 10 del 9 settembre 2022. Le domande verranno valutate in ordine di arrivo ed in base alle risorse disponibili. Le domande possono essere richiedibili sul sito del Mise. Tuttavia per facilitare la presentazione della richiesta di rimborso, le imprese potranno effettuare, già a partire dalle ore 10 del 7 settembre, le verifiche per il possesso dei requisiti tecnici.

Si ricorda inoltre che il buono può riguardare la partecipazione ad una o a più fiere. Ma può essere richiesto una sola volta e sarà valido fino al 30 novembre 2022. Tra le spese rimborsabili ci sono:

  • affitto agli allestimenti degli spazi espositivi;
  • servizi per le attività promozioni;
  • servizi per il trasporto;
  • noleggio di impianti;
  • spese per l’impiego di personale.

La dotazione finanziaria per la misura è pari a 34 milioni di euro. Ma si spera così di dare un nuovo impulso al Made in Italy e anche per favorire la ripresa del settore fieristico.

Le parole del Ministro Giorgetti

Le fiere sono la vetrina delle nostre aziende, luoghi dove l’ingegno del made in italy trova la sua collocazione ideale all’interno di spazi che puntano favorire l’incontro tra gli espositori e i visitatori provenienti da tutto il mondo”, dichiara il ministro Giorgetti. “Il buono fiere – aggiunge – va proprio in questa direzione, di contribuire sia alla promozione e alla valorizzazione delle eccellenze del sistema produttivo nazionale sia alla ripresa del mondo fieristico, un settore particolarmente colpito durante l’emergenza Covid ma anche dalle conseguenze del conflitto in Ucraina”.

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 716 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.