Grana superbonus, scende al 90%, ma potrebbe essere abolito

Grana superbonus per il nuovo Governo, tanto che la percentuale scenderà al 90%. Ma non si esclude la possibilità che sia abolito, ed ecco il motivo.

Grana superbonus, la percentuale scende al 90%

Possiamo dire “Addio” al superbonus così come lo abbiamo sempre conosciuto. O per lo meno così come è stato introdotto dal Decreto rilancio, durante Governo Conte nel 2020. Fino ad ora le detrazioni sono state pari a 110% su spese per migliore gli immobili da punto di vista energetico e sismico. Tuttavia attualmente è in vigore per gli appartamenti all’interno dei condomini, ma non nelle villette o nelle proprietà unifamiliari.

Anche se a causa dei problemi sulle cessioni dei crediti edili, il sussidio ha un pò inceppato il mercato e le imprese operanti nel settore edili. E così molte aziende si trovano ancora con cassetti pieni di crediti che nessuno vuole comprare, come gli istituti di credito. Stessa cosa vale anche per Poste italiane che negli scorsi giorni ha dichiarato stop all’acquisto dei crediti edili. Ma che si concentrerà solo sulle pratiche in lavorazione.

Come cambieranno le detrazioni?

Il Governo Meloni vuole rivoluzionare il superbonus muovendosi su due strade. La prima è quella di abbassare l’aliquota dal 110% al 90%. La seconda è quella di riaprire anche alle case unifamiliari. Così la detrazione passerà dal 110% al 90%. Ma per i condomini resterà invariata per tutto il 2023, poi andrà a scendere. Mentre si riapre la possibilità per le abitazioni unifamiliari ma solo se:

  • l’immobile è prima casa;
  • il reddito del richiedente deve essere sotto i 15 mila euro.

Almeno questo è quanto previsto fino a questo momento perchè le risorse potrebbero presto esaurirsi. Secondo i dati Enea di settembre 2022, gli investimenti ammessi alle detrazioni sono pari a 51 miliardi, mentre le detrazioni previste a carico dello stato circa 56 miliardi. Ma il vero problema sempre essere legato alla cessione del credito che non riparte come dovrebbe.

Grana superbonus, potrebbe così essere eliminato

Se i fondi a disposizione finiscono, anche il superbonus potrebbe essere abolito in modo definitivo. Anche perché secondo il Ministro dell’economia Giorgetti: “il superbonus pesa oltre le stime e pregiudica altre misure”. Inoltre i bonus edilizi stanno causando rilevanti maggiori oneri rispetto alle stime. Si parla di scostamenti pari a 37,8 miliardi sull’intero periodo di previsione.

In particolare, per gli anni 2023-2026, i maggiori oneri determinano un peggioramento della previsione delle imposte dirette per importi compresi tra 8 e 10 miliardi in ciascun anno, “che potrebbe pregiudicare l’adozione di altre tipologie di intervento“, ha riferito il ministro sottolineando peraltro che gli oneri del Superbonus potrebbero salire ulteriormente a fine anno.

Informazioni su Francesca Cavaleri 830 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.