Nuovi bonus ed incentivi auto, chi e come possono essere richiesti

I nuovi bonus ed incentivi auto sono relativi all’acquisto di auto elettriche o ibride ricaricabile, anche senza rottamazione, vediamo chi può richiederle.

Nuovo bonus ed incentivi auto, quello che c’è da sapere

Dal 2 novembre si possono richiedere i nuovi bonus o incentiva per l’acquisto di auto elettriche o ibride ricaricabili, anche senza la rottamazione. Gli sconti variano da 2 a 7 mila e 500 euro in base al tipo di auto acquistata. Ma variano anche in relazione alla quantità di emissione di C02 nell’aria. In pratica minori sono le emissioni più alto dovrebbe essere lo sconto.

Tuttavia il Governo il massimo del contributo è possibile, ma solo se il reddito famigliare è inferiore a 30 mila euro. Però questo incentivo può esser richiesto solo da un soggetto all’interno dello stesso nucleo familiare ei si applica solo alle fasce di auto 0-20 gCO2/km e 21-60 gCO2/km.

A chi sono dovuti i bonus ed incentivi auto?

Sul sito del Mise è possibile leggere tutte le novità e la modalità di richiesta del bonus. Le novità introdotte riguardano innanzitutto i cittadini con ISEE inferiore a 30 mila euro, che per l’acquisto di veicoli di categoria M1, elettriche e ibride plug-in, potranno beneficiare per l’anno 2022 di un incremento del 50% dei contributi finora previsti sulla base delle risorse già stanziate.
In particolare, gli incentivi saranno così rimodulati:

  • fino a un massimo di 7.500 euro di contributi con rottamazione (4.500 euro senza rottamazione) per l’acquisto di nuovi veicoli con emissioni comprese nella fascia 0-20 g/km CO2. E con prezzo di listino della casa automobilistica pari o inferiore a 35.000 euro IVA esclusa;
  • fino a un massimo di 6.000 euro di contributi con rottamazione (3.000 euro senza rottamazione) per l’acquisto di nuovi veicoli con emissioni comprese nella fascia 21-60 g/km CO2. E con prezzo di listino della casa automobilistica pari o inferiore a 45.000 euro IVA esclusa.

I contributi spettano anche alle persone giuridiche

Gli incentivi spettano anche alle persone giuridiche che svolgono attività di noleggio auto con finalità commerciali. Ma devono mantenere la proprietà dei veicoli per almeno un anno. I contributi sono così divisi:

  • fino a un massimo di 2.500 euro di contributi con rottamazione (1.500 euro senza rottamazione) per l’acquisto di nuovi veicoli con emissioni comprese nella fascia 0-20 g/km CO2. E con prezzo di listino della casa automobilistica pari o inferiore a 35.000 euro IVA esclusa;
  • fino a un massimo di 2.000 euro di contributi con rottamazione (1.000 euro senza rottamazione) per l’acquisto di nuovi veicoli con emissioni comprese nella fascia 21-60 g/km CO2. E con prezzo di listino della casa automobilistica pari o inferiore a 45.000 euro IVA esclusa.

Per accedere al contributo non occorre fare alcuna richiesta, ma chi ha diritto al contributo lo usufrerà al momento dell’acquisto dell’auto.

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 838 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.