Latte italiano, verso i tre euro a litro entro dicembre 2022

Anche il latte italiano sta per diventare un lusso sulle tavole degli italiani, le previsioni prevede un incremento che può arrivare fino a  tre euro.

Latte italiano, il prezzo è incredibile

Il latte è uno degli elementi base della colazione italiana. Soprattutto per i bambini che lo prendo con i biscotti, una tazza di latte caldo aiuta ad affrontare meglio la giornata prima di andare a scuola. Anche gli adulti lo consumano, ad esempio, il semplice cappuccino ha bisogno di un pò di  latte da aggiungere al caffè per essere perfetto. Idem per il caffè macchiato, il latte viene consumato anche per gli alimenti, nella preparazione di dolci e creme.

Ma il suo prezzo sta aumentando vertiginosamente. Infatti al supermercato una bottiglia/cartone di latte ha già raggiunto un euro e cinquanta centesimi. Mentre il prezzo è arrivato a due euro per quello fresco e pastorizzato e di alta qualità. I prezzi potrebbero aumentare nei negozi sotto casa, che non sono collegati alla grande distribuzione.

L’allarme dei produttori sui costi per la produzione

I prezzi del latte italiano stanno aumentando a causa di una combinazione di fattori. I produttori lamentano aumenti sui costi di produzione, in modo particolare sui mangimi. A ciò si aggiunge, già il caro bolletta dell’energia che già persiste su famiglie e da imprese da parecchi mesi. C’è il rischio che il prezzo del latte alla stalla costi fino a sessanta/settanta centesimi entro fino anno. Per poi moltiplicarsi nei vari passaggi di trasformazione, lavorazione, pastorizzazione e distribuzione fino ad arrivare nelle case degli italiani.

Il costo potrebbe essere di ben tre euro entro dicembre 2022. Un prezzo che non ha precedenti e che desta molta preoccupazione soprattutto per le famiglie che hanno bambini a casa. Ma non solo un costo così alto, si riversa anche sulle imprese che hanno nel latte la loro materia prima. E’ il caso delle imprese che si occupano della produzione di formaggi, dolci, prodotti confezionati, ma anche al semplice caffè al bar, ed ancora Pandori e Panetteri prodotti tipici delle feste natalizie.

Secondo Confommercio la situazione non è delle più floride, e buona parte della tredicesime saranno assorbite dai rincari. C’è quindi la possibilità che la reazione dei consumatori sia ancora una volta quella di ridurre le quantità acquistate. Ma non solo di latte, le riduzioni di acquisto potrebbero aversi sia sui pranzi di Natale e Capodanno, che per acquisti dei regali, sempre più indirizzati verso i prodotti di gastronomia.05

Informazioni su Francesca Cavaleri 931 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.