Sciopero benzinai, cominciano le proteste da fine mese

Lo sciopero benzinai è già stato annunciato per fine mese. E’ la reazione dei benzinai al seguito di quanto previsto dal Decreto Trasparenza.

Sciopero benzinai, i motivi della protesta

Il Governo ha deciso di potenziare i controlli sui rifornimenti e bloccare le speculazioni sui listini. Il monitoraggio deve essere svolto in maniera giornaliero e non più settimanale. Inoltre arriva l’obbligo per il gestore di esporre con evidenza, oltre il prezzo praticato, anche il prezzo medio pubblicato quotidianamente del Ministero delle imprese. Questo potrebbe aiutare il guidatore a capire se gli conviene o meno rifornirsi proprio in quel posto, piuttosto che un altro. Ma la decisione sembra non essere piaciuta ai distributori di benzina su tutta la rete, che lamentano di essere diventati il bersaglio di tutti.

Sciopero benzinai, i giorni previsti

Il Decreto Trasparenza ha già prodotto i suoi effetti. Si quelli da parte delle associazioni dei rifornimenti che hanno già annunciato due giorno pieni di sciopero: 25 e 26 gennaio. Lo sciopero dei gestori sarà dalle ore 19 di martedì 24 gennaio alle ore 7 di venerdì 27 gennaio. Uno sciopero indetto da diverse sigle tra cui: Faib- Confesercenti e Fegica, Figisc, e Confcommercio.

Nei due giorni di stop sarà avviata una campagna di controinformazione sugli impianti. Inoltre sarà previsto un presidio sotto il Palazzo di Montecitorio in segno di protesta contro le decisioni prese dal Governo Meloni. Dall’altra parte il premier ha difeso la sua scelta sottolineando che con il taglio delle accise non ci sarebbero stati gli altri aiuti per le famiglie per far fronte all’inflazione e all’aumento del costo delle bollette.

Lo sciopero è un diritto, ma i prezzi cominciano a scendere

Lo sciopero è un diritto e questa è una verità. Così mentre i distributori annunciano lo sciopero per salvaguardare i lavoratori della loro categoria, i pressi della benzina iniziano a scendere. Ad oggi, i prezzi medi nazionali a litro sono:

  • per  la benzina, €1,822 al self service e € 1,966 al servito;
  • per il diesel, € 1,876 al self service e €2,020 al servito.

Anche se si registrano prezzi più elevati sulle autostrade, anche perché lì c’è un problema di maggiore costi legati alle eventuali concessioni. Tuttavia i prezzi nel frattempo cominciano a scendere per effetto del prezzo del greggio. Inoltre in tutta Italia i prezzi non sembrano essere omogenei, anche per effetto della vicinanza dalle zone di raffinazione, ma questo è un fenomeno che si è sempre verificato. Ma alla fine dei conti ad oggi il problema è dei guidatori che devono spendere più soldi per rifornirsi.

 

 

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 948 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.