L’acqua costa di più, alcuni consigli per cercare di risparmiare

L’acqua costa di più, come tutto ormai. Ma tra emergenza siccità e caro bollette, alcuni consigli per cercare di risparmiare e non sprecarla.

L’acqua costa di più, ancora caro-bollette

Il bel tempo piace un pò a tutti, ma in Italia esiste un considerevole problema siccità di laghi e fiumi. Le piogge non sono bastate ad aiutare l’agricoltura che teme per una primavera ed un’estate troppo torride. E questo potrebbe causare un ulteriore aumento dei prezzi, come successo per frutta e verdure e come già successo per gli irrinunciabili spaghetti al pomodoro. L’acqua che è quindi un bene primario, ma il suo prezzo sta aumentando, anche in bolletta.

L’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva ha segnalato che sono stati registrati aumenti in tutti i capoluoghi di provincia in tutta Italia. Per l’analisi si sono stimati i costi di una famiglia di 3 persona con un consumo annuo di 192 metri cubi. Riportando i dati dell’analisi in tutte le località si sono registrati rincari, ad esempio c’è Bolzano che segna +26,3%. Seguono Savona (+25,5%) e Trento (+21%). La Toscana sembra essere la regione più costosa. Ma i rincari sono ovunque, e le famiglie si troveranno aumenti nelle prossime bollette dell’acqua.

Alcuni consigli per risparmiare nel quotidiano

L’emergenza idrica è un bel problema, non solo per i costi elevati da sostenere, ma anche per le culture che sono la base della cucina italiana. Occorre una maggiore consapevolezza del bene che si ha, semplicemente aprendo il rubinetto, e cercare di evitare gli sprechi. Ecco alcuni consigli utili che potrebbe contribuire a risparmiare in bolletta e salvare l’ambiente.

Partiamo da piccoli consigli della vita quotidiana. Chiudere l’acqua quando ci si lava i denti, lo strofinare si può fare anche senza che l’acqua scorra. Preferire la doccia alla vasca da bagno, consuma di meno, è più igienica e si risparmia anche tanto tempo. Un piccolo trucco per radersi è quello di riempire il lavandino con un pò d’acqua e risciacquare il rasoio, a rubinetto chiuso.

Anche il riutilizzo dell’acqua potrebbe essere una scelta saggia. Ad esempio quando si cuoce la pasta, una volta scolata, la stessa acqua può essere usata per lavare i piatti. Oppure può essere usata, una volta raffreddata, per darla alle piante in giardino o in balcone. Infine riutilizzare l’acqua dei condizionatori per stirare il bucato. Attenzione non è acqua distillata, ma sicuramente non contiene calcare, quindi si può utilizzare nel ferro senza alcun problema. Aprire il rubinetto e lasciare scorrere è una brutta abitudine, che va modificata, anche in vista del caro bollette.

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 1526 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.