Modello 730-2023 precompilato, da quando sarà possibile scaricarlo?

modello 730/2023

Il modello 730-2023 precompilato sarà presto disponibile per i contribuenti. Ecco come ottenerlo, scaricarlo e tutte le informazioni in merito.

Modello 730-2023 precompilato, cos’è?

Come ogni anno, a breve, sarà tempo di dichiarazione dei redditi con riferimento all’anno 2022. Il Modello 730 precompilato è una dichiarazione predisposta dall’Agenzia delle entrate sulla base delle informazioni ricevute da diversi operatori. Tuttavia l’agenzia mette a disposizione dei contribuenti una dichiarazione dei redditi precompilata con diversi dati già inseriti: spese sanitarie, universitarie, premi assicurativi, contributi previdenziali, spese funebri e bonifici per gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica dei propri immobili.

Chi accetta online il modello 730 precompilato, senza apportare alcune modifica, non dovrà esibire le ricevute che attestano gli oneri detraibili e deducibile e non sarà sottoposto a controlli documentali. Un modo rapido e sicuro di poter fare la propria dichiarazione dei redditi.

Ma da quando sarà disponibile?

Il modello 730/203 sarà scaricabile a partire dalla data del 30 aprile 2023. Mentre per quanto riguarda la data di presentazione c’è tempo fino al 30 settembre, ma slitterà sicuramente al 2 ottobre. Questo perché quest’anno il 30 settembre cade di sabato, quindi è automatica la proroga al primo lunedì disponibile, quindi il 2 ottobre. Per accedere ai dati online, a partire dal 30 aprile, è necessario farlo attraverso:

  • identità SPID – Sistema pubblico d’identità digitale;
  • CIE – Carta di identità elettronica;
  • Carta Nazionale dei Servizi.

Inoltre è possibile accedere anche attraverso il proprio sostituto che presta assistenza fiscale. Oppure si può accedere affidandosi a un Caf o un professionista abilitato, attraverso una delega.

Quali indicazioni contiene il modello 730-2023 precompilato

Secondo quando indicato dallo stesso sito dell’Agenzia delle entrate il modello precompilato contiene le seguenti indicazioni:

  • i dati contenuti nella Certificazione Unica, che viene inviata all’Agenzia delle entrate dai sostituti d’imposta: ad esempio, i dati dei familiari a carico, i redditi di lavoro dipendente o di pensione, le ritenute Irpef, le trattenute di addizionale regionale e comunale, il credito d’imposta APE, i compensi di lavoro autonomo occasionale, i dati delle locazioni brevi;
  • gli oneri deducibili o detraibili ed i rimborsi, anche per i familiari a carico se inseriti nella CU, che vengono comunicati all’Agenzia delle entrate;
  • alcune informazioni contenute nella dichiarazione dei redditi dell’anno precedente: ad esempio, i dati dei terreni e dei fabbricati, gli oneri che danno diritto a una detrazione da ripartire in più rate annuali (come le spese sostenute negli anni precedenti per interventi di recupero del patrimonio edilizio, per l’arredo degli immobili ristrutturati e per interventi finalizzati al risparmio energetico e le spese per l’installazione infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici), i crediti d’imposta e le eccedenze riportabili;
  • altri dati presenti nell’Anagrafe tributaria: ad esempio, le informazioni contenute nelle banche dati immobiliari (catasto e atti del registro), i pagamenti e le compensazioni effettuati con il modello F24.

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 1524 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.