Bonus centri estivi 2024, contributi per i minori fino a 14 anni

Bonus centri estivi 2024 per i genitori che hanno minori in casa fino a 14 anni. Tutte le informazioni per sapere cos’è e come richiederlo.

Bonus centri estivi 2024, cos’è?

Finita la scuola le famiglie, i cui genitori lavorano, hanno spesso il dubbio su cosa fare i figli. Soprattutto quando le ferie solo lontane e i piccoli si annoiano a stare in casa. Il bonus è stato aggiornato dal sito dell’INPS pochi giorni fa. Il servizio permette di richiedere un contributo totale o parziale delle spese sostenute per la frequenza di un centro estivo diurno da giugno a settembre in Italia per figli di dipendenti o pensionati della pubblica amministrazione.

Il bando è rivolto ai minori di età compresa tra i 3 e i 14 anni, figli o orfani ed equiparati di:

  • dipendenti o pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
  • pensionati iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici (GDP).

Bonus centri estivi 2024, come funziona?

Il contributo è riconosciuto in base al valore ISEE del nucleo familiare di appartenenza, in misura percentuale sull’importo più basso tra il contributo massimo erogabile, stabilito dal bando, e il costo settimanale del centro estivo. Inoltre il contributo copre le:

  • spese connesse alle attività ludico-ricreative e sportive previste;
  • spese di vitto (merende e pranzo);
  • eventuali gite e quant’altro previsto nel programma;
  • coperture assicurative.

Il soggiorno deve essere finalizzato alla gestione costruttiva del tempo libero dei giovani ospiti, durante l’interruzione estiva delle attività scolastiche.

Le caratteristiche delle strutture

Il soggiorno deve essere finalizzato alla gestione costruttiva del tempo libero dei giovani ospiti, durante l’interruzione estiva delle attività scolastiche.

Il centro estivo deve svolgersi presso una sede:

  • conforme alle normative in materia di igiene e sicurezza;
  • accessibile e priva di barriere architettoniche;
  • con un locale idoneo alla distribuzione e al consumo di pasti preconfezionati monodose.

Il centro deve essere inoltre dotato di:

  • servizi igienici attrezzati e accessibili;
  • locali al coperto;
  • aree verdi accessibili;
  • presidio di pronto soccorso.

La struttura organizzativa del centro estivo diurno dovrà comprendere:

  • personale direttivo, educativo, ausiliario;
  • addetto alla gestione dei giovani disabili in possesso dei requisiti per lo svolgimento di tali funzioni.

Come presentare a domanda

Come già detto possono partecipare al concorso i minori di età compresa tra i 3 e i 14 anni compiuti alla data del 30 giugno. La domanda si presenta online all’INPS utilizzando il servizio “Portale prestazioni welfare”, accessibile anche da questa pagina, cliccando su “Utilizza il servizio” e selezionando la voce “Portale prestazioni welfare”.

L’INPS verificherà le domande presentate. Nella sezione “Consulta richieste” della propria area riservata sarà possibile sapere se la domanda è stata accolta o no. In quest’ultimo caso, potrebbe essere necessario inserire ulteriori informazioni.

Informazioni su Francesca Cavaleri 1552 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.