Addizionali regionali all’IRPEF: a quanto ammontano nel 2021?

aliquota irpef

Oggi, in uno stato delle cose che pone interrogativi sempre più densi e costanti sul fattore economico del nostro paese, andremo a scoprire come funzionano gli addizionali regionali all’IRPEF e a quanto ammontano nell’ anno 2021.

Aliquota cos’è?

Partiamo col dire che con aliquota si intende il tasso fisso o variabile che si applica alla base imponibile, per calcolare il tributo, espressa in forma di percentuale. Ogni regione, nel nostro paese, la applica autonomamente. Perciò, di seguito, vedremo ogni regione del nostro stivale, come applica la suddetta aliquota, nell’anno 2021.

Addizionali regionali IRPEF: il quadro regione per regione

Andremo, dunque a scrutare regione per regione, quali sono le aliquote inerenti agli addizionali IRPEF che andranno applicate al reddito complessivo, al netto dei deducibili oneri. Scopriamo di seguito l’elenco, regione per regione:

  • Abruzzo: (aliquota unica) con aliquota 1,73
  • Basilicata: fino ai 15000,00 euro aliquota di 1,23; dai 15000 fino ai 28000 l’aliquota è ancora di 1,23; uguale aliquota di 1,23 anche fino ai 55000 euro; mentre l’aliquota sale ad 1,73 oltre i 55000, fino ai 75000 euro; in ultimo avremo un’aliquota di 2,33 per una somma superiore ai 75000 euro;
  • Calabria: (aliquota unica) di 1,73;
  • Campania: (aliquota unica) di 2,03;
  • Emilia Romagna: l’aliquota sarà di 1,33 fino ai 15000 euro, mentre avremo un’aliquota di 1,93 fino ai 28ooo euro ed un’ aliquota di 2,03 per il superamento dei 28000 euro fino ai 55000 euro; in ultimo l’aliquota salirà a 2,23 per chi supera i 55000 fino ai 75000 e di 2,33 per chi supera il tetto di 75000 euro;
  • Friuli Venezia Giulia: aliquota di 0,7 fino ai 15000 euro, dai 15000 ai 28000 euro avremo un’aliquota di 1,23, uguale aliquota anche per tutte le altre fasce, fino al superamento di 75000 euro;
  • Lazio: fino ai 15000 euro avremo un’aliquota di 1,73; mentre dai 15000 ai 28000 euro l’aliquota sale a 2,73,  incremento a 2,93 per il superamento fino ai 55000 euro, mentre chi supera i 55000 euro, entro i 75000 euro avrà un’aliquota del 3,23, in ultimo salirà a 3,33 per tutti coloro che superano i 75000 euro;
  • Liguria: partiamo da un’aliquota di 1,23 per il tetto massimo di 15000 euro, arriviamo ad un’aliquota di 1,81 per chi è compreso tra i 15000 e i 28000 euro, mentre superando i 28000 fino ai 55000 euro avremo un’aliquota di 2,31, sale ad un 2,32 invece per coloro che superano i 55000 euro e, in ultimo, ad un’aliquota di 2,33 per chi supera i 75000;
  • Lombardia: si parte da un’aliquota di 1,23 fino ai 15000 euro, di 1,58 per chi arriva ai 28000 euro, quindi di 1,72 per chi arriva ai 55000 euro, di 1,73 per chi arriva ai 75000 euro e un’aliquota di 1,74 per coloro che li superano;
  • Marche: avremo un’aliquota minima di 1,23 fino ai 15000 euro, poi di 1,53 per lo step successivo che va dai 15000 euro fino ai 28000 euro, quindi di 1,70 dai 28000 ai 550000 euro, poi di 1,72 per chi super i 55000 e in ultimo di 1,73 per chi supera i 75000 euro;
  • Molise: per la regione dai mille misteri, avremo invece un’aliquota minima di 1,73 fino ai 15000 euro, quindi di 1,93 fino ai 28000 euro, per cui di 2,13 per chi parte dai 28000 euro e arriva fino ai 55000 euro, poi di 2,23 per lo step successivo, ed infine di 2,33 per chi supera la quota di 75000 euro;
  • Piemonte: aliquota di 1,62 per chi arriva ai 15000 euro, di 2,13 per lo step successivo, quindi di 2,75 dai 28000 ai 55000 euro, di 3,32 per chi va dai 55000 euro ai 75000 e in ultimo di 3,33 per chi supera i 75000 euro;
  • Puglia: aliquota di 1,33 fino ai 15000 euro, di 1,43 dai 15000 euro fino ai 28000 euro, di 1,71 fino ai 55000 euro, di 1,72 fino ai 750000 euro di 1,73 per chi li supera;
  • Sardegna: (aliquota unica) di 1,23
  • Sicilia: (aliquota unica) di 1,23;
  • Toscana: si parte da un’aliquota di 1,42 fino ai 15000 euro, di 1,43 fino ai 28000 euro, di 1,68 fino ai 55000 euro, di 1,72 fino ai 75 000 euro e in ultimo di 1,73 per chi li supera;
  • Trentino Alto Adige: qui abbiamo una differenza tra Bolzano e Trento:
  • – Trento: aliquota di 1,23 fino ai 55000 euro, di 1,73 per chi li supera
  • – Bolzano: aliquota di 1,23 fino ai 75000 euro, di 1,73 oltre i 75000 euro
  • Umbria: aliquota di 1,23 fino ai 15000 euro, sale a 1,63 dai 15000 euro ai 28000 euro, quindi avremo un’aliquota di 1,68 dai 28000 euro ai 55000, di 1,73 per chi supera i 55000 e in ultimo di 1,83 per chi supera i 75000 euro;
  • Valle d’Aosta: (aliquota unica) di 1,23;
  • Veneto: (aliquota unica) di 1,23;

 

 

Informazioni su Davide Scorsese 119 Articoli
Appassionato di scrittura, ho collaborato per diverse testate online tra le quali ricordiamo BlastingNews.com e NotizieOra.it. Ama cinema e scrittura, fin dalla tenera età, studia recitazione e consegue una formazione attoriale nei teatri off partenopei.