DURC, ecco come scaricarlo dal sito dell’INPS

durc online

Oggi entreremo nel mondo del DURC, alla scoperta di cosa esso sia e come scaricarlo dal sito dell’INPS. Un rapido e sensazionale viaggio per comprendere se siete soggetti tenuti a richiederlo e come svolgere la procedura di verifica di regolarità.

DURC, cosa è e a cosa serve

Innanzitutto, è bene sapere che con DURC si intende un Documento Unico di Regolarità Contributiva, ottenibile previa richiesta nel portale dell’ INPS o dell’ INAIL. In pratica, parliamo di un certificato che attesta la regolarità del soggetto che ne fa richiesta nei confronti di Inps, Inail o le casse edili, qualora si trattasse di aziende che applichino i contratti dell’edilizia. Il DURC è quindi una dichiarazione di conformità riguardo a obblighi contrattuali come quelli dei contributi e della previdenza.

La richiesta di tale documento è fatta per lavorare con la pubblica amministrazione, in taluni casi anche in ambito privato. I casi più specifici in cui è strettamente necessario ottenere il DURC sono i seguenti:

  • Partecipare a gare per aggiudicarsi appalti pubblici
  • Per poter godere di subappalti nel settore pubblico
  • Per ottenere il rilascio delle attestazioni SOA
  • Per lavori in ambito privato che sono sottoposti a concessione edilizia o a DIA
  • Per potere erogare sussidi e sovvenzioni.

Sarà, pertanto effettuare verifica di regolarità, quindi richiedere il DURC, per i sopra elencati casi. Inoltre, hanno possibilità di effettuare la verifica di regolarità le imprese, i lavoratori autonomi e sue eventuale propria delega chiunque abbia interesse nel farlo, ma anche altri enti, come ad esempio le banche e gli intermediari delegati dal soggetto titolare del credito. Tale verifica di regolarità sarà svolta nei confronti di coloro ai quali è richiesto il possesso del Durc, cioè il datore di lavoro, in relazione a tutti i rapporti di lavoro, sia subordinato che autonomo.

Come scaricare il DURC da INPS o INAIL

Dal 2015 è possibile effettuare la verifica della regolarità contributiva esclusivamente online. Si otterrà un esito immediato, sia esso negativo che positivo. Qualora la verifica ha esito positivo viene generato il Durc online che avrà validità di 120 giorni dal momento in cui lo si richiede. Se invece si avrà esito negativo, gli enti preposti trasmetteranno via Pec all’interessato la notifica a mettersi in regola entro un tempo massimo di 15 giorni.

Come detto, è possibile effettuare tale richiesta del DURC sia tramite portale INPS che attraverso il sito INAIL. Al momento dell’ accesso bisognerà registrare un indirizzo Pec, col quale successivamente sarà notificato l’esito. Al termine della suddetta verifica verrà prodotto un documento in Pdf, il quale riporterà alcuni dati essenziali. Trattasi dei dati del soggetto su cui si è stata effettuata la verifica, ovvero denominazione o ragione sociale, la sede legale, il suo codice fiscale ed anche l’iscrizione a Inps, Inail o Casse.

Sarà inoltre, tra i dati, riportata la dichiarazione di regolarità vera e propria ed il numero identificativo, con anche la data di scadenza del documento appena rilasciato in Pdf.

Vediamo, rapidamente, i passaggi per il DURC sul sito INPS e INAIL

Come abbiamo poco sopra detto, è possibile richiedere il Durc online attraverso i servizi Inps Online, accedendo al sito dell’Istituto previdenziale. In questo caso una volta acceduto alla home page del portale Inps si dovrà fare clic su Prestazioni e servizi, successivamente sulla dicitura Durc online. Quindi, a tal punto di dovrà solo scegliere il profilo corrispondente, se si è utenti con Pin code o se Stazioni appaltanti o Soa.

Cambia poco, nel caso del sito Inail. Una volta nel sito, dalla home page si dovrà fare clic su “Servizi per te” nel menù principale. A quel punto si deve selezionare “Datore di lavoro” e nel menù a tendina “Gestione azienda”. Tra le numerose caselle che appariranno troveremo anche “Durc online – Verifica la regolarità contributiva”. Quindi avrete la schermata di login.

Ma cosa accade qualora vi fosse esito negativo nella verifica di regolarità?

Qualora dovreste avere un esito negativo, il documento risultante dalla procedura sarà reso disponibile entro trenta giorni dalla prima interrogazione ai soggetti che hanno svolto la procedura di richiesta. Nel caso in questione, il documento prodotto al termine della procedura di verifica avrà riportato indicati tutti gli importi che risultano essere a debito e avrà cura di specificare anche tutti i relativi motivi di irregolarità riscontrati.

Dunque, questo è tutto quanto era necessario sapere sulla richiesta e la verifica per poter scaricare il DURC online, non vi resta che procedere.

Informazioni su Davide Scorsese 87 Articoli
Appassionato di scrittura, ho collaborato per diverse testate online tra le quali ricordiamo BlastingNews.com e NotizieOra.it. Ama cinema e scrittura, fin dalla tenera età, studia recitazione e consegue una formazione attoriale nei teatri off partenopei.