Auto aziendale: come funziona con l’uso promiscuo?

Come funziona un'auto aziendale ad uso promiscuo

Avete mai sentito parlare di auto aziendale ad uso promiscuo? Per i dipendenti di molte imprese, la concessione di questo beneficio accessorio alla retribuzione (fringe benefit) è molto interessante.

Con l’espressione “ad uso promiscuo” riferita al veicolo aziendale, s’intende che il dipendente può fruirne per spostamenti correlati all’attività svolta, ma anche per ragioni personali. Il vantaggio del lavoratore consiste nell’evitare di farsi carico dei costi d’acquisto o di noleggio e delle spese di gestione.

D’altro canto, l’azienda ha la possibilità di avere un parco macchine sempre nuovo e beneficiando di agevolazioni fiscali. Come? Attraverso il noleggio a lungo termine dei veicoli business presso il soggetto fornitore.

Come funziona l’uso promiscuo dell’auto aziendale

L’auto aziendale concessa ad uso promiscuo è una delle tre modalità di utilizzo della stessa, ognuna comporta condizioni differenti per l’azienda come per il lavoratore.

Come accennato poc’anzi, la fruzione della vettura aziendale ad uso promiscuo consente il suo utilizzo da parte del dipendente sia per motivi di lavoro che per esigenze personali, ovvero fuori dall’orario lavorativo. Ad esempio, per andare in vacanza o girovagare nel fine settimana senza alcun costo di gestione da sostenere.

L’auto a uso aziendale prevede l’utilizzo da parte del dipendente esclusivamente per lo svolgimento dell’attività professionale.

L’auto a uso personale consiste nell’utilizzo esclusivamente privato da parte del lavoratore della vettura fornita dall’azienda, una modalità assai poco frequente.

Il contratto di assegnazione

Le aziende che offrono ai propri dipendenti l’auto aziendale ad uso promiscuo sottoscrivono un contratto di noleggio a lungo in termine con un fornitore. Dopodiché, l’impresa si accorda con il dipendente per disciplinare i termini e le condizioni di utilizzo della vettura. Ecco cosa viene stabilito nell’accordo:

  • se il veicolo può essere usato anche da altre persone, oltre al dipendente (nel caso, i loro nomi devono essere indicati nell’assicurazione stipulata dall’azienda);
  • gli obblighi a cui deve sottostare il fruitore del fringe benefit nei confronti dell’auto e le modalità di utilizzo da rispettare;
  • le condizioni economiche (se presenti) per l’utilizzo della vettura da parte del dipendente.

Il dipendente è la persona che fruisce dell’auto ad uso promiscuo, ma la stessa può essere utilizzata anche dai suoi familiari, nel caso di chiara indicazione presente nel contratto di attribuzione.

Tassazione dell’auto ad uso promiscuo

Nonostante i tanti pro che comporta la fruizione dell’auto ad uso promiscuo, c’è da tenere presente che essa contribuisce alla determinazione del reddito del lavoratore soggetto a tassazione.

Per effettuare il calcolo della quota di benefit che compone il reddito imponibile, si fa riferimento al costo/km della vettura indicato nelle tabelle ACI aggiornate annualmente il 30 novembre e alla  media percorrenza annuale di un’auto aziendale ad uso promiscuo stabilita in 15.000 km. A questo punto, si deve tenere conto di un terzo fattore: la quantità di emissioni di anidride carbonica relativa al veicolo.

A partire dal 2021 è cambiata in parte la percentuale prevista nelle quattro fasce di tassazione per le auto aziendali in fringe benefit:

  • il 25% per i veicoli con emissioni non superiori a 60g/km;
  • il 30% per le auto con emissioni comprese tra 61 e 160g/km;
  • il 50% per le vetture con emissioni comprese tra 161 e 190g/km;
  • il 60% per i veicoli con emissioni superiori a 190 g/km.

E’ bene precisare che questa nuova tassazione riguarda solo le auto di nuova immatricolazione concesse ad uso promiscuo e i veicoli contrattualizzati dal 1° luglio 2020 (sempre ad uso promiscuo). Per tutte le altre vetture, la percentuale è uguale per le due prime fasce, mentre per la terza e quarta fascia è rispettivamente pari al 40% e 50%.

I costi del carburante

I costi sostenuti per il carburante dell’auto aziendale ad uso promiscuo sono a carico sia del dipendente che del datore di lavoro. Quando la vettura è utilizzata per motivi professionali, il lavoratore può richiedere il rimborso all’azienda facendo riferimento alle tabelle ACI, relativamente ai costi chilometrici. In caso di utilizzo a fini personali, ovviamente il costo del carburante è a carico del fruitore del fringe benefit.

Ti potrebbe interessare leggere anche: Come richiedere l’auto aziendale?

Informazioni su Carmine Orlando 212 Articoli
Nato a Milano nel 1971 ma campano d'adozione, ho sempre avuto una grande passione per la scrittura, pur lavorando come libero professionista in altri settori. La scoperta del Web Copywriting e il vasto quanto complesso mondo della SEO mi ha conquistato, tanto da aver intrapreso un lungo percorso di formazione a aver trasformato un hobby in una fonte primaria di guadagno. Sono stato per anni coordinatore della redazione per CentroMeteoItaliano.it, ho collaborato con Money.it, con Notizieora.it e con BlastingNews.com.