Comunicazione ENEA: obbligo anche per acquisto elettrodomestici

Comunicazione ENEA: obbligo anche per acquisto elettrodomestici detrazione fiscale

Cos’è l’ENEA (Energia Nucleare ed Energie Alternative)? È un ente pubblico italiano di ricerca che si pone l’obiettivo di supportare le politiche di competitività e di sviluppo sostenibile. Questo ente agisce nei settori ambientali, dell’energia e delle nuove tecnologie.

I compiti svolti dall’ENEA

Tra le attività principali svolte dall’ENEA ci sono quelle della comunicazione e della promozione della ricerca, studi legati allo sviluppo di avanzate tecnologie, alla conduzione di importanti progetti di ricerca, in special modo riguardanti l’ambito dell’ingegneria e della tecnologia. L’ENEA si occupa di collaborare con altri enti ed istituzione esteri, la partecipazione a grandi programmi di ricerca in collaborazione con organizzazioni internazionali. Inoltre, è responsabile del presidio scientifico e tecnologico in ambito di energia nucleare, eccetera.

Obbligo comunicazione ENEA per elettrodomestici

Da tre anni a questa parte, è obbligatorio comunicare all’ENEA gli acquisiti relativi agli elettrodomestici, per i quali è possibile usufruire del bonus mobili. Tale incentivo è molto vantaggioso in quanto consente di effettuare una spesa non superiore ai 10.000 euro usufruendo di una detrazione IRPEF pari al 50%.

Chi decide di acquistare mobili ed elettrodomestici che partono dalla classe A + (A per i forni), per arredare un immobile che deve essere ristrutturato, può beneficiare di un bonus mobile.

Tuttavia, la procedura non è automatica in quanto non tutti gli elettrodomestici rientrano in questa agevolazione fiscale. Pertanto, al fine di godere di tale beneficio è obbligatorio inviare una comunicazione all’ENEA contenente diversi dati, tra cui quelli relativi agli elettrodomestici acquistati.

Quali sono gli elettrodomestici, il cui acquisto è incentivato dalla detrazione fiscale prevista?

E’ necessario premettere che i dispositivi per il cui acquisto è possibile usufruire della detrazione IRPEF pari al 50% del costo sostenuto, devono essere nuovi e appartenenti a determinate tipologie:

  • Apparecchi elettrici di riscaldamento e/o per la cottura e/o per il condizionamento;
  • radiatori e/o ventilatori elettrici;
  • forni a microonde;
  • piastre riscaldanti elettriche;
  • stufe elettriche;
  • frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie.

Il tipo di pagamento

Per usufruire dell’agevolazione fiscale del 50% rispetto alla spesa sostenuta per l’acquisto dei sopracitati elettrodomestici, i pagamenti devono avvenire tramite carta di credito e/o di debito o attraverso un bonifico. Il pagamento in contanti è vietato, così come gli assegni bancari o altri metodi di pagamento diversi da quelli poc’anzi indicati.

Comunicazione all’ENEA per elettrodomestici

Comunicare i dettagli sugli elettrodomestici comprati all’ENEA è legato al fatto che i dispositivi acquistati comportino un risparmio energetico e abbiano quindi accesso alle detrazioni fiscali previste per le ristrutturazioni edilizie, così come previsto dall’ecobonus.

E’ indispensabile effettuare una comunicazione all’ENEA soprattutto quando, in relazione a un intervento edilizio, si comprano lavasciuga, lavatrici, frigoriferi, forni, lavastoviglie e piani cottura elettrici. Differentemente dai mobili, le informazioni sugli elettrodomestici devono essere comunicate anche in assenza di un intervento che comporti un risparmio energetico. Ad esempio, quando si rifà la cucina o il bagno.

La comunicazione corretta dei dati sugli elettrodomestici deve avvenire via internet all’indirizzo seguente: https://detrazionifiscali.enea.it inviando l’informazione entro 90 giorni dalla data di ultimazione dei lavori o dal collaudo. Ma viene preso in considerazione nel caso degli elettrodomestici, anche la data di invio del bonifico o di uno degli altri metodi di pagamento previsti.

La procedura d’inserimento dati

Una volta entrati sulla pagina web sopra citata come riferimento, è necessario procedere all’inserimento dei dati. Si tratta di un iter relativamente semplice se seguito alla lettera, ecco gli step:

  1. Scegliere l’opzione “Registrazione utenti”
  2. Cliccare su “Compila dati anagrafici”
  3. “Inserisci l’immobile”
  4. “Selezione Intervento”
  5. Nella barra “Altro” selezionare la voce “elettrodomestici”.

L’ENEA richiede innanzitutto la potenza elettrica (kw) e la classe energetica dell’elettrodomestico. Il secondo dato è spesso obbligatorio, anche se non in tutti i casi, mentre il primo dato è sempre facoltativo.

Dove reperire i dati da inserire?

In generale, la potenza elettrica espressa in kilowatt che l’elettrodomestico utilizza per il suo regolare funzionamento si trova nella scheda tecnica o nel libretto delle istruzioni o sull’etichetta energetica. La classe energetica del dispositivo è obbligatoria per frigoriferi, lavatrici, lavasciuga e asciugatrici. Facoltativa per altri, come forni e piani di cottura.

ATTENZIONE: è bene conservare tutta la documentazione necessaria richiesta e utile per beneficiare del bonus mobili. Ci riferiamo alla ricevuta di pagamento, a quella ricevuta di avvenuta transazione, dell’addebito sul conto corrente e le fatture di acquisto dei beni che indichino la natura dell’acquisto, qualità e quantità dei beni e/o servizi acquistati.

Informazioni su Carmine Orlando 307 Articoli
Nato a Milano nel 1971 ma campano d'adozione, ho sempre avuto una grande passione per la scrittura, pur lavorando come libero professionista in altri settori. La scoperta del Web Copywriting e il vasto quanto complesso mondo della SEO mi ha conquistato, tanto da aver intrapreso un lungo percorso di formazione a aver trasformato un hobby in una fonte primaria di guadagno. Sono stato per anni coordinatore della redazione per CentroMeteoItaliano.it, ho collaborato con Money.it, con Notizieora.it e con BlastingNews.com.