Detrazione mensa scolastica: quali documenti sono necessari?

E’ tempo di ritornare a scuola, dopo mesi difficili e distanziati. A tal proposito è tempo di tornare ad occuparsi di spese scolastiche e nello specifico della mensa. Quali sono le detrazioni possibili dalla mensa scolastica e quali documenti sono richiesti? Scopriamolo assieme in questa rapida guida.

Detrazione mensa scolastica: cosa detrarre?

E’ tempo di scuola, ma è anche ancora tempo di crisi economica e si sa detrarre qualcosa dalle tasse è sempre buono in tempo di magra, soprattutto.

Come poter detrarre, dunque le spese della mensa scolastica? Vediamolo, in breve, in questo paragrafo.

Nel 730 da proporre in quest’anno, riferito all’anno di imposta 2020, si potranno portare in detrazione tutte le spese riferite alla mensa scolastica pagate tra il 1 gennaio ed il 31 dicembre 2020 (anche se quelle pagate a gennaio, per esempio, erano riferite agli ultimi mesi del 2019).

Nello specifico, occorre sapere che

Nel modello 730 le spese d’istruzione detraibili devono essere inserite nella Sezione I, rigo da E8 ad E10 utilizzando i seguenti codici:
  1. 12: per le spese scolastiche;
  2. 13: per le spese per istruzione universitaria;
  3. 33: per le spese per asili nido.

Quali documenti occorrono per detrarre

Quali sono, dunque quei documenti necessari ad ottenere la detrazione per la mensa scolastica?

Per dirla in breve, sono necessari la ricevuta del bollettino postale intestata al soggetto che ha erogato il servizio; quindi, la ricevuta del bonifico bancario intestata al soggetto erogatore; Attestazione (rilasciata dalla scuola o dal soggetto erogatore) indicante la spesa sostenuta per la mensa e i dati dell’alunno.

Ma dove vanno segnate le spese mensa nel modello 730?

Ecco, nella nostra guida per la situazione di detraibilità delle spese mensa scolastica, diamo risposta alle più svariate domande sulla questione. Pertanto, andiamo a vedere anche come agevolare la compilazione del modello 730, nel caso di richiesta di detrazione delle spese della mensa scolastica.

Modello 730 e spese mensa

Dove compilare quindi le spese mensa nel modello 730?

In breve, le spese per la mensa scolastica dei propri figli possono essere inserite sia nel modello UNICO (nei righi da RP8 a RP14) sia nel modello 730 (nei righi da E8 a E12) con il nuovo codice istituito dall’Agenzia delle Entrate “12”.

Ma, ora veniamo alla domanda più richiesta dai contribuenti: quanto si può detrarre dalle spese della mensa scolastica? Lo scopriamo nel prossimo paragrafo.

Mensa scolastica: quanto si può detrarre?

Dunque, una volta appurato come fare domanda, attraverso la compilazione e gli specifici documenti, per ottenere una detrazione per le spese di mensa scolastica, andiamo a vedere il succo della questione, ovvero il quantitativo di “risparmio”.

Facciamo, dunque dei rapidi ma esaustivi esempi per rispondere a questo quesito:

Dunque, l’importo detraibile va dai 200 euro ad un massimo di 800 euro. Il costo della detrazione sarà pari al 19% per ciascun alunno/figlio ed il suo importo andrà ripartito tra i due genitori (qualora facciano reddito entrambe).

Aggiungiamo, inoltre che qualora il documento comprovante la spesa per il servizio di mensa scolastica sia intestato:

  • al genitore, la detrazione spetta interamente a quel contribuente
  • al figlio, la detrazione spetta ad entrambi i genitori nella misura del 50% ciascuno.

Dunque, questo è quanto di più necessario ed essenziale vi fosse da sapere in merito alle detrazioni per le spese della mensa scolastica.

Informazioni su Davide Scorsese 158 Articoli
Appassionato di scrittura, ho collaborato per diverse testate online tra le quali ricordiamo BlastingNews.com e NotizieOra.it. Ama cinema e scrittura, fin dalla tenera età, studia recitazione e consegue una formazione attoriale nei teatri off partenopei.