Cos’è l’attestato di residenza fiscale e quando serve?

Oggi andremo a scandagliare un documento fondamentale per il reddito di una persona fisica o di una azienda. Oggi, con questa rapida guida, andremo a scoprire cos’è e quando occorre l’attestato di residenza fiscale.

Attestato di residenza fiscale, cos’è

La questione principale di apertura per questa rapida guida, è senza dubbio legata al cosa si tratta quando si parla di attestato di residenza fiscale.

Dunque, in termini sostanziali, possiamo dire che il Certificato di Residenza Fiscale consente di ottenere una certificazione dall’Agenzia delle Entrate che attesta la sede fiscale dell’azienda/persona giuridica oggetto di ricerca in Italia.

Attestato di residenza fiscale, quando serve

Dunque, come detto poco sopra, il certificato di residenza fiscale è un documento rilasciato dall’Agenzia delle Entrate che va ad attestare in quale stato estero un soggetto, persona fisica o azienda, ha prodotto reddito.

Esso serve a determinare in che misura e dove, ai sensi delle convenzioni vigenti, si dovrà provvedere al pagamento delle imposte.

L’ attestato di residenza, quindi, certifica la residenza ai fini fiscali del contribuente nel nostro Paese (in questo modo si dice allo Stato estero che le tasse sul reddito prodotto in tale paese saranno pagate qui in Italia). Il certificato può essere richiesto anche per più tipi di reddito prodotti nello stesso Stato estero, cioè soggetti alla stessa Convenzione. In questa ultima ipotesi sarà emesso una attestazione unica che le certifichi.

Come richiederlo e chi può richiederlo

Partiamo col dire che il certificato di residenza fiscale verrà inviato sempre via email in formato PDF. Il suddetto documento di attestazione di residenza sarà richiesto direttamente all’Agenzia delle Entrate di competenza. Per ricevere anche l’originale basterà selezionare la modalità di spedizione “posta raccomandata” e verrà spedito all’indirizzo indicato, previa cartacea.

Per richiedere il certificato di residenza online basta collegarsi alla sezione di Visure Italia dedicata, compilare il form disponibile indicando i seguenti dati obbligatori: cognome e nome della persona di cui si vuole chiedere il documento, data di nascita, stato di nascita, provincia e comune di residenza.

Una volta completato l’ordine ti sarà richiesto di compilare una delega alla quale dovrà essere allegata la copia del tuo documento di identità.

Ma chi può richiedere, dunque l’attestato?

La risposta a questa non poi troppo astrusa domanda, è presto data.

Di fatto, possono presentare la richiesta di attestazione di residenza fiscale le persone fisiche residenti e i soggetti residenti diversi dalle persone fisiche, come le società di capitali, gli enti commerciali e non commerciali, gli organismi di investimento collettivo del risparmio e i fondi pensione.

Ma quanto costa ottenere un attestato di residenza fiscale?

Un’ altra domanda che il contribuente si pone, è sicuramente legata ai costi di tale operazione, quanto sia economico o meno poter fare questo passaggio.

La risposta a tale quesito è presto data:

per la richiesta va presentata una marca da bollo da 3,10 euro valevole però solo per un paese da consegnare al momento della richiesta. Una spesa, dunque, piuttosto risibile per una pratica necessaria per i dichiaranti reddito all’estero.

Dunque, questo è quanto vi fosse di più utile e necessario da sapere in merito alla documentazione dell’ attestato di residenza fiscale.

 

Informazioni su Davide Scorsese 159 Articoli
Appassionato di scrittura, ho collaborato per diverse testate online tra le quali ricordiamo BlastingNews.com e NotizieOra.it. Ama cinema e scrittura, fin dalla tenera età, studia recitazione e consegue una formazione attoriale nei teatri off partenopei.