Fatture elettroniche e condominio, si può risparmiare ecco come

Le fatture elettroniche e condominio sono un mezzo che hanno giovato anche per gli amministratori di condominio, ecco il perché!

Fatture elettroniche e condominio, il forte impatto per le aziende

Le fatture elettroniche fanno parte della vita quotidiana delle imprese e dei professionisti. L’Italia sta affrontando un processo di grande informatizzazione. Scelta che coinvolge la pubblica amministrazione, le imprese, i negozi e che allinea la nostra Nazione agli standard europei.

La normativa di riferimento sulla fatturazione elettronica è il decreto legislativo n.127/2015 in attuazione dell’articolo 9, comma 1, lettere d,g, legge 23/2014, delega di Riforma fiscale (1 gennaio 2017). Per molti l’introduzione della fattura elettronica è stata un provvedimento giusto che ha facilitato le operazioni di contabilizzazione di molte operazioni. Sembra che lo stesso valga anche per gli amministratori di condominio.

La fatturazione per i condomini, come risparmiare

L’amministratore di condominio è la figura che gestisce appunto uno o più condomini. E’ un professionista che gestisce una grande mole di informazioni. Questo perché ha tanti obblighi, tra questi la tenuta del registro dei verbali dell’assemblea di condominio, il registro di anagrafe condominiale, il registro della contabilità e della revoca o nomina dell’amministratore. In molti di queste operazioni ha a che fare con altre imprese e professionisti che emettono la fattura elettronica.

L’amministratore quindi non deve più gestire le cose manualmente, ma ha sicuramente diminuito il tempo da dedicare a questi obblighi. Ma soprattutto ha abbattuto anche i costi legati a questa attività, magari svolta da un’altra persona che si occupa di questo. Diminuzione di costi anche perché le fatture non hanno più bisogno di essere stampate. Le fatture elettroniche vengono ricevute all’interno del software e registrate automaticamente in contabilità con pochi clic.

Fatture elettroniche e condominio, i risparmi per i condomini

E’ chiaro che se l’amministratore risparmia sui costi di gestione, questi dovrebbero ribaltarsi sui condomini, che in altre parole dovrebbero pagare meno le loro quote. Un altro vantaggio è che questo tipo di fatturazione prevede un errore zero. Meno rischio di errore, corrisponde a meno costi di eventuale rettifica, o ancora peggio errori di calcolo sulle quote per i proprietari degli immobili. Meno errori, meno problemi, più tranquillità nella gestione e nell’attività dell’amministratore.

Infine il tempo impiegato per la gestione manuale delle fatture senza Fatturazione Elettronica vale circa € 2500/anno, valore calcolato sul costo medio orario del lavoro italiano (Eurostat). Con la Fatturazione Elettronica la stima si riduce a € 660/anno, che altro non è che il costo del servizio per la gestione di 33 condomini per un risparmio di ben -€1.825. 

Informazioni su Francesca Cavaleri 829 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.