Reddito di cittadinanza, nuova truffa, ecco come sono stati beccati 27 furbetti

furbetti reddito di cittadiananza
Bar e pasticcerie nel cuore del centro storico di Roma gestite da clan mafiosi palermitani. E' quanto accertato dai carabinieri del Ros nell'operazione, coordinata dalla Dda di Roma, che ha portato all'emissione di una ordinanza cautelare nei confronti di 11 persone, 15 gennaio 2021. In particolare i gruppi mafiosi hanno, negli anni, riciclato nella ristorazione ingenti somme di denaro per aprire locali nella zona di Testaccio e Trastevere. Le accuse sono di trasferimento fraudolento di valori, bancarotta fraudolenta, autoriciclaggio, reati commessi per agevolare l'associazione mafiosa "Cosa Nostra". ANSA/ ROS CARABINIERI +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Non è il primo caso e non sarà nemmeno l’ultimo ma siamo di nuovo di fronte ad un caso di truffa con il reddito di cittadinanza. La misura di contrasto alla povertà fin dal suo varo con il decreto n°4 del 2019, è stato oggetto di numerose pratiche furbesche adottate da soggetti interessati a percepire il sussidio.

Persone e famiglie che non avrebbero dovuto percepire il sussidio e che invece, grazie a stratagemmi di vario genere, sono riusciti a “fregare” lo Stato.  Il reddito di cittadinanza è un aiuto di Stato ed è reato adottare qualsiasi soluzione per aggirare le norme e percepirlo non avendone diritto.

Stavolta sono stati i Carabinieri del Comando provinciale di Massa Carrara a stanare questi furbetti. Ben 27 persone, tra italiani e stranieri per un danno erariale di circa 120.000 euro.

L’operazione contro i furbetti del reddito di cittadinanza a Massa Carrara

Come riporta una ultim’ora Ansa, sono stati i Carabinieri del comando provinciale di Massa Carrara, che avvalendosi della co-partecipazione all’operazione, del locale Ispettorato del Lavoro, ha stanato ben 27 furbetti del reddito di cittadinanza. In totale 11 stranieri e 16 italiani.

Persone che hanno percepito il reddito di cittadinanza senza averne diritto, frodando lo Stato per ben 120.000 euro e togliendo fondi a persone che effettivamente potevano avere bisogno di sostegno.

I trucchi per riuscire a rientrare nel sussidio

In Italia si dice comunemente che “fatta la legge trovato l’inganno”. Un modo di dire che sta a significare che spesso i cittadini cercano di dribblare la legge, trovando escamotage per aggirarla. Succede con il bollo auto, con gli autovelox, con qualsiasi legge o benefit da centrare.

Nell’indagine di Massa Carrara i soggetti finiti con l’essere scovati dai Carabinieri e dall’Ispettorato del Lavoro non hanno fatto nulla di nuovo. Hanno presentato per il tramite di Caf e Patronati, dichiarazioni fraudolente, false e mendaci . Tutte informazioni relative a misure cautelari restrittive in corsoo a lavori svolti o non svolti. Inoltre,false dichiarazioni relative alla composizione del nucleo familiare o alla residenza in territorio italiano. Per tutti adesso è scattata la revoca del sussidio, il blocco della card Rdc e le pratiche per la restituzione di tutte le somme indebitamente percepite.

Informazioni su B. A. 263 Articoli
Sindacalista, operatore di Caf e Patronato, esperto in materia previdenziale, assistenziale, lavorativa e assicurativa. Da 25 anni nel campo, appassionato di scrittura e collaboratore con diversi siti e organi di informazione.