Pensioni giornalisti 2022: cosa cambia e quali requisiti

In vista di una data molto importante, quella del prossimo 1 luglio 2022, andiamo a vedere cosa cambia nel futuro prossimo per le pensioni dei giornalisti. Quali importi e quali requisiti occorrono, lo scopriamo nella nostra guida in merito.

Pensioni giornalisti: come funziona

Vediamo in generale, come funziona la pensione per giornalisti, prima di avvicinarci al cambiamento del prossimo luglio 2022.

Innanzitutto, occorre sapere che il sistema pensionistico dei giornalisti dipendenti, iscritti all’INPGI, è finanziato attraverso un prelievo contributivo rapportato alla retribuzione erogata. L’attuale aliquota contributiva destinata al fondo pensioni è pari al 33%, ed è così suddivisa: 23,81% a carico azienda e 9,19% a carico del lavoratore.

Ma cosa cambia, dunque dal prossimo mese di luglio del 2022, lo scopriamo nei prossimi paragrafi.

Pensioni giornalisti, cosa cambia dal 1 luglio 2022

Dunque, alcuni articoli precisi dell’ultima legge di Bilancio indicano che anche i giornalisti passano all’Inps, pertanto la gestione INPGI convoglia a nuova forma.

Tale scelta è stata stabilita dal Governo, che per tale via ha inteso individuare una soluzione sostanziale per poter rimediare al disavanzo dell’Istituto Giovanni Amendola, a causa anche della crisi del settore editoriale tradizionale, per la crescita dell’informazione digitale.

Dunque, dal prossimo 1 luglio, i giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti titolari di un rapporto di lavoro subordinato in campo giornalistico saranno iscritti all’Inps. Questo passaggio riguarderà i rapporti attivi e quelli passivi, l’assicurazione IVS ed anche i trattamenti di disoccupazione e integrazione salariale dei giornalisti con contratto di lavoro subordinato.

Quindi, dalla data in questione le regole della gestione sostitutiva saranno di fatto uniformate a quelle applicate presso il fondo pensioni lavoratori dipendenti. Tutto questo, nell’osservanza del principio del pro-rata, cioè con salvaguardia del criterio di calcolo della pensione e seguendo l’interesse dei lavoratori stessi.

Pensione giornalisti: quali sono i requisiti

I requisiti utili per il cambio in atto saranno i seguenti per essere iscritti al Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti:

  • I “giornalisti professionisti, i pubblicisti e i praticanti iscritti all’Albo negli appositi elenchi e registri” titolari di un rapporto di lavoro subordinato di natura giornalistica;
  • Con evidenza separata, i titolari di trattamenti pensionistici diretti ed i superstiti già iscritti alla data del 30 giugno 2022 presso la gestione sostitutiva dell’INPGI.

Saranno invece esclusi dal trasferimento INPS le seguenti categorie

  • Giornalisti professionisti;
  • I pubblicisti;
  • I praticanti giornalisti;

che però esercitano l’attività in maniera autonoma (quindi senza rapporto di subordinazione) o nella forma della collaborazione coordinata e continuativa, iscritti all’INPGI 2, noto come gestione separata.

Pensione giornalisti: il principio pro-rata

Il cosiddetto principio pro-rata rappresenta uno specifico meccanismo di calcolo pensionistico, il quale mira a proteggere i pensionandi dalle possibili novità e cambiamenti di legge peggiorative del sistema di calcolo del trattamento pensionistico finale.

In pratica, la logica sarebbe quella per cui le novità intervenute potranno essere applicate solo per calcoli futuri e non, quindi, in rapporto a contributi già versati negli anni precedenti. Quindi a tal proposito si ha un chiaro esempio in riferimento alle novità delle pensioni giornalisti, al via dal primo luglio di quest’anno.

Cambiamenti degli importi

Andiamo a vedere cosa cambia in merito agli importi della pensione in vista delle novità in arrivo da luglio, la situazione è la seguente:

  • l’importo del trattamento pensionistico per i soggetti già assicurati presso l’Inpgi sarà calcolato – per quelle quote corrispondenti alle anzianità contributive acquisite fino al 30 giugno 2022 – con le regole applicate nella stessa gestione sostitutiva;
  • per quanto riguarda l’importo della pensione collegata alle anzianità contributive acquisite a partire dal primo luglio 2022 in poi, varranno le disposizioni vigenti nel fondo pensioni lavoratori dipendenti.

Questo, dunque è quanto di più utile e necessario vi fosse da sapere in merito alle principali novità sulle pensioni giornalisti 2022, in arrivo dal prossimo luglio 2022.

Informazioni su Davide Scorsese 319 Articoli
Appassionato di scrittura, ho collaborato per diverse testate online tra le quali ricordiamo BlastingNews.com e NotizieOra.it. Ama cinema e scrittura, fin dalla tenera età, studia recitazione e consegue una formazione attoriale nei teatri off partenopei.