Agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura Ismea

giovani in agricoltura

ISMEA riconosce agevolazioni per l’acquisti di terreni a giovani imprenditori agricoli e a startupper che intendono avviare un’azienda agricola. Ecco le principali agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura di Ismea.

Acquisto di terreni con Ismea per insediamento giovani in agricoltura

Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare ) è da sempre impegnato ad aiutare coloro che intendono investire nel mondo dell’agricoltura. Il bando pubblicato il 26 luglio 2022 intende favorire il consolidamento di aziende agricole già esistenti o la nascita di nuove aziende agricole attraverso finanziamenti mirati.

Giovani imprenditori agricoli

In particolare è previsto il finanziamento in favore di giovani imprenditori agricoli under 41 che vogliono:

  • ampliare la superficie della propria azienda acquisendo terreni limitrofi o funzionalmente utili, ad esempio terreni già condotti con contratto di affitto o comodato da almeno due anni;
  • consolidare la propria azienda attraverso l’acquisto di terreni già condotti dallo stesso acquirente.

Startupper con esperienza

La misura intende agevolare anche giovani startupper con esperienza (under 41). Rientrano in tale categoria i soggetti che hanno già esperienza nel campo dell’agricoltura  iscritti da due anni a :

a) INPS in qualità di coadiuvante agricolo,
b) gestione dei lavoratori autonomia agricoli INPS,
c) gestione separata INPS in qualità di amministratore/collaboratore;
d) gestione dei lavoratori dipendenti INPS come dirigente, quadro, impiegato agricolo o operaio agricolo,
e) gestione separata ENPAIA per i periti agrari o per gli agrotecnici;
f) EPAP per i dottori agronomi e forestali.

In questo caso l’acquisto deve essere finalizzato all’avvio di una nuova azienda agricola.

Startupper con titolo

Infine, possono ottenere l’agevolazione prevista per giovani agricoltori anche giovani startupper con titolo under 35. Sono considerati giovani startupper con tutolo coloro che hanno conseguito uno dei seguenti titoli di studio:

  •  diploma rilasciato da istituto tecnico agrario e professionale per l’agricoltura;
  • laurea triennale o magistrale con indirizzo scientifico-tecnologico o di scienze
    economiche.

Nel caso in cui l’azienda non sia ancora avviata è necessario che l’avvio avvenga entro tre mesi dalla concessione dell’aiuto.

Cosa prevede il bando per l’agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura?

L’operazione prevede l’acquisto del terreno da parte di Ismea e l’assegnazione del medesimo terreno al richiedente con patto di riservato dominio. In seguito il richiedente rimborsa la somma dovuta all’ISMEA e diviene quindi proprietario del terreno. Il piano di ammortamento può avere una durata compresa tra 15 anni e 30 anni.

Il finanziamento che si può ottenere ha un valore massimo di 1.500.000 euro se diretto a imprenditori agricoli o startupper con esperienza e 500.000 euro in caso di startupper con titoli. Nel limite non sono compresi gli oneri notarili e le altre spese.

Il finanziamento prevede l’applicazione di un tasso agevolato che può essere fisso o variabile in base alla scelta del richiedente.

Le somme stanziate sono così divise:

A) 25 milioni di euro destinati a Giovani imprenditori agricoli e Giovani startupper con esperienza per operazioni fondiarie localizzate nel Centro-nord (Emilia-Romagna, Friuli- Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta, Veneto, Lazio, Marche, Toscana e Umbria)

B) 25 milioni di euro destinati a Giovani imprenditori agricoli e Giovani startupper con esperienza per operazioni fondiarie localizzate nel Sud-isole (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia).

C) 10 milioni di euro destinati ai Giovani startupper con titolo.

Leggi anche Banca delle terre agricole: uno strumento per trovare terreni incolti

Premio di primo insediamento

Per i giovani startupper vi è la possibilità di combinare questa agevolazione con il premio di primo insediamento previsto dal Regolamento UE 702 del 24 maggio 2014. Questo contributo deve però essere richiesto contestualmente alla presentazione dell’istanza per le agevolazioni dirette ai giovani agricoltori.

  • L’agevolazione, che consiste in complessivi 70 mila euro, può essere erogata:
    per un massimo del 60% (fino a 42 mila euro) all’atto della concessione dell’aiuto;
  • per il restante 40% (fino a 28 mila euro), dopo l’accertamento, da parte di ISMEA dell’avvenuta realizzazione del piano aziendale.

Leggi anche Garanzia Ismea under 35 per prestiti aziende agricole. Il modulo per la richiesta

Cause di esclusione e modalità operative per l’agevolazione per insediamenti di giovani in agricoltura

La procedura non potrà avere luogo nel caso in cui i terreni che sono oggetto di avvio di nuova azienda, consolidamento o espansione sia gravati da ipoteche giudiziali, tranne nel caso in cui le stesse siano inefficaci, pignoramento o atti di sequestro. Inoltre non possono essere oggetto di compravendita i terreni in cui sono insistenti opere non in regola, ad esempio pozzi. Le operazioni non possono essere compiute tra coniugi o parenti e affini entro il secondo grado, ad esempio non è possibile acquisizione del terreno di un fratello. Infine, un altro limite è dato dal fatto che il terreno sia a destinazione non agricola.

Attualmente ancora non è possibile presentare l’istanza per accedere alle agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura, molto probabilmente la procedura sarà disponibile dal mese di settembre 2022. La presentazione della domanda deve avvenire telematicamente attraverso il sito di Ismea.

20220623_NuovoFondiarioCDA-1