Assegno unico 2023, potrebbe aumentare se si aggiorna l’isee

L’assegno unico 2023 continua a spettare a chi ne ha già fatto richiesta, ma a partire da marzo potrebbe contenere degli incrementi sull’importo.

Assegno unico 2023, occorre aggiornare l’Isee

L’assegno unico universale è la misura economica a sostegno delle famiglie con figli a carico istituito con la legge delega 46/2021. L’entrata in vigore è avvenuta dal primo marzo 2022, ma già a partire dal primo gennaio 2022 era possibile fare domanda. L’assegno unico spetta a tutti i nuclei familiari indipendentemente dalla condizione lavorativa dei genitori e senza limiti di reddito. Dal reddito dipende solo il valore dell’assegno mensile.

Per chi già lo riceve non occorre presentare nessuna domanda di presentazione, ma potrebbero esserci degli aggiornamenti. In ogni caso gli importi di gennaio e febbraio saranno calcolati in base all’Isee 2022, da marzo in invece l’importo sarà calcolato in base all’Isee 2023. Se non sarà presentato nessun Isee 2023, si rischia di prendere la quota minima di 50 euro senza i conguagli e gli arretrati.

Assegno unico 2023, il rischio che si corre

Come già detto senza Isee 2023 chi ha un indice inferiore a 15 mila euro rischia di passare da un assegno di 195 euro ad uno di solo 50.  Che in realtà è il valore minore erogabile. Si ricorda che tale somma spetta anche per chi ha un reddito maggiore di 40 mila euro. Inoltre a rischiare di dover restituire l’assegno unico erogato dall’Inps in questi mesi sono tutti coloro che hanno un Isee recante omissioni o difformità e che non hanno provveduto alla regolarizzazione entro il 31 dicembre dello scorso anno.

Ma da marzo a novembre sono stati erogati circa 11,6 miliardi di euro. Gli importi medi sono di circa 146 euro per figlio, perché l’assegno spetta per ogni figlio del nucleo familiare. Ma in ogni caso è un valido aiuto per  le famiglie, soprattutto quelle che hanno più figli da mantenere. E chi ha figli sa per certo che quando si hanno dei figli, un piccolo aiuto al mese certo non guasta mai.

I cambiamenti in vista sono numerosi

L’anno 2023 prevede numerosi cambiamenti in vista. Tra questi c’è la rivalutazione degli importi e delle soglie Isee. Infatti a partire da febbraio scatterà l’aumento del 50% dell’assegno unico per ciascun figlio di età inferiore a un anno, a prescindere dall’Isee, per i nuclei con quattro figli e per quelli con almeno tre figli per ciascun figlio di età compresa tra uno e tre anni, se l’Isee non supera i 40 mila euro. E’ inoltre prevista una maggiorazione del 50% per i figli nati nell’anno a prescindere dall’Isee.

Tra le altre novità c’è anche che il forfait per le famiglie con quattro o più figli sale a 150 euro. Mentre la maggiorazione del 50% per famiglie con tre figli (tra un e tre anni) spetta ma solo se l’Isee è inferiore a 40 mila euro.

 

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 950 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.