Marzo 2023, tutte le scadenze previste nel mese della primavera

Marzo 2023 arriva la primavera, ma le scadenze fiscali sono sempre lì. Ecco quindi di ricordare quelle che sono le più importanti per famiglie ed imprese.

Marzo 2023, gli appuntamenti dei primi del mese

Anche marzo come tutti i mesi dell’anno si aprono con il versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione e affitto stipulati in data 01/02/2023 o rinnovati tacitamente con decorrenza dal 01/02/2023. Si ricorda che i contratti di locazione prevedono il pagamento dell’imposta pari al 2% del canone annuo, sia in sede di registrazione, sia nel caso di rinnovo annuale. Imposta che invece non si applica per i contratti che godono del regime agevolato della cedolare secca.

Per le famiglie dal primo marzo le domande di assegno unico presentate nel 2022 accolte e in corso di validità verranno rinnovate automaticamente. Non ci sarà obbligo di presentare una nuova domanda, ma basta solo rinnovare l’Isee per poter usufruire dell’importo con le maggiorazioni spettanti in funzione della fascia economica.

Marzo 2023, le scadenze di metà mese

Per il 15 marzo 2023 sono previste due scadenze. La prima riguarda le associazioni sportive dilettantistiche, associazioni senza scopo di lucro e pro loco che hanno effettuato l’opzione per il regime fiscale agevolato. Devono provvedere all’annotazione, anche con unica registrazione, dell’ammontare dei corrispettivi e di qualsiasi provento conseguito nell’esercizio di attività commerciali, con riferimento al mese precedente. La seconda riguarda i soggetti IVA che devono procedere all’emissione e registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solare precedente.

Mentre per il 16 marzo 2023 ci sono varie scadenze da rispettare. Ad esempio la trasmissione e la consegna della CU 2023. Ma anche il versamento dell’imposta sugli intrattenimenti, inps aziende agricole, Iva, versamenti dei sostituti d’imposta e delle trattenute. Inoltre ci sono da fare le comunicazioni dati ai fini della dichiarazione precompilata per le spese funebri. Infine il versamento mensile dell’imposta sulle transazioni finanziarie del Tobin Tax.

Le altre date importanti di fine mese

Per il 20 marzo i contribuenti che vogliono opporsi all’utilizzo dei dati delle erogazioni liberali effettuate nell’anno precedente per l’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata possono presentare domanda entro il 20 marzo 2023 all’Agenzia delle Entrate, tramite il modello “Opposizione all’utilizzo dei dati delle erogazioni liberali per la dichiarazione dei redditi precompilata” (tramite e-mail all’indirizzo [email protected] allegando copia del documento d’identità)

Infine entro il 31 marzo gli enti non commerciali e produttori agricoli devono inviare, la dichiarazione mensile degli acquisti di beni e servizi da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato effettuato dagli enti non soggetti passivi Iva e dagli agricoltori esonerati. L’adempimento va fatto in via telematica utilizzando i canali Entratel o Fisconline.

 

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 1532 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.