Imposta di registro su preliminare, quando può essere rimborsabile?

L’imposta di registro su preliminare è una tassa da versare nel momento in cui avviene appunto la registrazione, ma è rimborsabile?

L’imposta di registro su preliminare, quando è dovuta?

Il contratto preliminare, chiamato anche “compromesso”, è un accordo tra venditore e compratore che si impegnano reciprocamente a stipulare un successivo e definitivo contratto di compravendita. Gli effetti del passaggio di proprietà si avranno poi con la stipula del contratto definitivo.

Il contratto preliminare di compravendita deve essere registrato entro 30 giorni dalla sottoscrizione  (fino all’entrata in vigore del decreto legge n. 73/2022, articolo 14, il termine era di 20 giorni dalla sottoscrizione). Se stipulato con atto notarile, vi provvede il notaio entro 30 giorni.

Quanto costa la registrazione del preliminare?

La registrazione è un obbligo da parte del Notaio. Del resto è lo stesso notaio che effettuerà poi la compravendita, quindi l’atto definitivo. Per la registrazione del preliminare sono dovute:

  • l’imposta di registro di 200 euro, indipendentemente dal prezzo della compravendita;
  • l’imposta di bollo, nella misura di 16 euro ogni 4 facciate e comunque ogni 100 righe (se il contratto è formato per atto pubblico o per scrittura privata autenticata l’imposta di bollo è invece di 155 euro).

Quando il preliminare prevede un pagamento, è dovuta, inoltre, l’imposta di registro proporzionale pari:

  • allo 0,50% delle somme previste a titolo di caparra confirmatoria;
  • al 3% delle somme previste a titolo di acconto sul prezzo di vendita.

Imposta di registro su preliminare, quando può essere rimborsata?

Su questo tema ha recentemente risposto l’Agenzia delle entrate. Secondo cui: l’imposta di registro proporzionale pagata per la registrazione del contratto preliminare di compravendita (pari allo 0,50% delle somme previste a titolo di caparra confirmatoria e al 3% delle somme previste a titolo di acconto sul prezzo di vendita) viene detratta da quella dovuta per la registrazione del contratto definitivo.

Quando l’importo già pagato è superiore all’imposta di registro dovuta per il contratto definitivo, il contribuente ha diritto a ottenere il rimborso della maggiore imposta versata. Tuttavia il rimborso va richiesto, a pena di decadenza, entro tre anni dalla data di registrazione del contratto definitivo. Infine la domanda di rimborso deve essere presentata all’ufficio che ha eseguito la registrazione.

Informazioni su Francesca Cavaleri 1554 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.