Partita IVA, quando non si pagano i contributi?

Solitamente, il titolare di una partita IVA è tenuto al pagamento delle tasse e al versamento dei contributi. Tuttavia, in alcuni casi è possibile aprire la partita IVA senza pagare i contributi Inps. A questo punto, non ci resta che capire di quali ipotesi stiamo parlando, anche perché, uno dei maggiori timori che tormenta chi si vuole mettere in proprio aprendo una partita IVA, è rappresentato proprio dal versamento dei contributi INPS che vorrebbe evitare, in quanto costituisce una delle maggiori voci di spesa dei possessori della partita IVA.

E’ giusto premettere, che non esiste una riposta univoca a questo quesito, molto dipende dal tipo di attività che s’intraprende e della sua forma, se in veste di società, di ditta individuale o di libero professionista. Ma entriamo nello specifico.

Partita IVA: i casi in cui non si pagano i contributi previdenziali

Senza troppi preamboli o giri di parole tedianti quanto infiniti, ecco le ipotesi in cui chi decide di aprire una partita IVA non è tenuto al pagamento dei contributi previdenziali:

  • Quando si apre partita IVA per arrotondare i guadagni da lavoratore dipendente;
  • Se si pratica un’attività professionale senza albo di riferimento;
  • L’esistenza di accordi sulla previdenza e assistenza sociali con Stati esteri.

E adesso, analizziamo nel dettaglio i suddetti tre casi.

Aprire partita IVA senza pagare contributi INPS: il caso del lavoratore dipendente

Il lavoratore dipendente con contratto di lavoro a tempo pieno che decide di aprire una partita IVA per esercitare attività d’impresa che gli consenta di arrotondare la sua retribuzione, beneficia di una norma che lo esonera dal versamento dei contributi INPS (per l’esercizio di attività commerciali o artigianali). Ciò accade perché i contributi previdenziali sono già pagati dal datore di lavoro. Si presuppone che l’attività principale resti quella inerente il lavoro dipendente.

Tuttavia, per godere di questo esonero contributivo devono venire rispettate due condizioni:

  • L’attività svolta in modo autonomo deve rientrare tra quelle per cui è prevista la contribuzione INPS per gli artigiani ed in commercianti (gestione IVS INPS artigiani e commercianti);
  • Il contratto di lavoro dipendente deve essere full-time e non part-time, anche se, ci sono alcuni casi in cui l’esenzione è stata assicurata anche a lavoratori dipendenti con lavoro part time di 38 ore settimanali. La decisione è rimessa ai diversi uffici territoriali dell’INPS. Sostanzialmente è il singolo ufficio che decide se concedere l’esonero contributivo o meno.

Aprire partita IVA senza pagare contributi INPS: il caso del libero professionista

Il libero professionista viene esonerato dal pagamento dei contributi INPS solo nel caso eserciti un’attività professionale priva di albo di riferimento. Prendiamo ad esempio, i fotografi professionisti, i copywriter, i personal trainer, così come i promoter e le hostess. Si tratta di professioni prive di casse previdenziali e che sono tenute ad iscriversi e a versare i contributi alla Gestione Separata INPS.

Aprire partita IVA senza pagare contributi INPS: accordi previdenziali con stati esteri

Se non si guadagna, non si devono pagare i contributi: è questo il principio che vige per le attività professionali di cui sopra. Mettendo da parte questo caso, è possibile evitare di pagare i contributi previdenziali in Italia, quando si esercita senza profitto un’attività professionale sulla base di accordi presi tra l’Italia ed altri Paesi esteri. E’ il caso del professionista che esercitando all’estero è obbligato al versamento dei relativi contributi calcolati sul profitto alla previdenza del Paese di residenza.

Quest’ultima ipotesi è piuttosto rara, in quanto trovare due Paesi che trovino un accordo previdenziale di tal tipo non è affatto comune.

Ti potrebbe interessare leggere anche:

Informazioni su Carmine Orlando 325 Articoli
Nato a Milano nel 1971 ma campano d'adozione, ho sempre avuto una grande passione per la scrittura, pur lavorando come libero professionista in altri settori. La scoperta del Web Copywriting e il vasto quanto complesso mondo della SEO mi ha conquistato, tanto da aver intrapreso un lungo percorso di formazione a aver trasformato un hobby in una fonte primaria di guadagno. Sono stato per anni coordinatore della redazione per CentroMeteoItaliano.it, ho collaborato con Money.it, con Notizieora.it e con BlastingNews.com.