TFR 2021: come si calcola e come funzionano l’anticipo e l’accantonamento

TFR 2021: calcolo, anticipo, accantonamento

Come di consueto per un contratto di lavoro subordinato che cessa, anche nel 2021 il lavoratore avrà diritto a ricevere il TFR (Trattamento di Fine Rapporto). La spettanza riguarda sia i dipendenti che hanno lavorato a tempo determinato, sia quelli che lo hanno fatto a tempo indeterminato, così come non conta se abbiano lavorato a tempo pieno o parziale.

D’altronde, la somma del TFR viene maturata mensilmente per il lavoro svolto dal proprio datore di lavoro, rivalutata, però, annualmente sulla base di alcuni determinati indici.

La disciplina del Trattamento di Fine Rapporto

L’art. 2110 del codice civile disciplina il TFR. Il calcolo viene effettuato sommando per ogni anno di servizio una quota non inferiore all’importo della retribuzione dovuta per l’anno stesso divisa per 13,5. Per le frazioni del mese superiore al 15, la mensilità viene considerata per intero.

Solitamente, il lavoratore dipendente percepisce il TFR al termine del rapporto di lavoro. Tuttavia, in alcuni casi può capitare che tali somme vengano anticipate, in modo da poterne godere prima della cessione del rapporto di lavoro. Affinché ciò accada, devono essere rispettati dei requisiti molti stringenti. Quindi, vediamo come si calcola il Trattamento di Fine Rapporto 2021 e come funziona l’anticipo.

Il calcolo del TFR 2021

L’importo del TFR maturato annualmente in capo al lavoratore è composto da due elementi:

  • la quota capitale, calcolata previo l’applicazione del divisore fisso 13,5 al totale delle retribuzioni annue;
  • la quota finanziaria, pari alla rivalutazione dell’ammontare del fondo maturato al 31 dicembre dell’anno precedente.

Il Fondo TFR accantonato al 31 dicembre di ogni anno (escluso le quote maturate nell’anno stesso) deve essere rivalutato sulla base di un coefficiente composto da un tasso fisso dell’1,50% e da uno variabile pari al 75% dell’aumento dell’indice dei prezzi al consumo, per le famiglie di operai e impiegati, accertato dall’ISTAT, rispetto al mese di dicembre dell’anno precedente.

Anticipo TFR 2021: requisiti

Per ottenere l’anticipo del TFR, il primo requisito è avere accumulato almeno 8 anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro. In questo caso, il dipendente può chiedere un anticipo che non superi il 70% del TFR fino a quel momento maturato.

L’anticipazione può essere richiesta una sola volta e solo nel caso di acquisto prima casa per sé stessi o per i figli. Oppure per le spese sanitarie inerenti terapie o interventi straordinari. In ogni caso le richieste possono essere soddisfatte entro il limite annuo del 10% degli aventi diritto e comunque entro il 4% del totale dei lavoratori.

TFR 2021: perché chiedere l’anticipo

L’anticipazione di un TFR può essere richiesta solo per motivazioni importanti:

  • spese sanitarie per terapie o interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche;
  • acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile.

Tuttavia, per le spede mediche la giurisprudenza ha affermato che è da considerarsi straordinario l’intervento che presenta le caratteristiche della delicatezza e dell’importanza dal punto di vista economico o medico. L’anticipo TFR può estendersi anche alle spese accessorie come quelle di viaggio, vitto e alloggio.

In merito alla seconda giustificazione, per “prima casa” si intende un immobile destinato alla normale abitazione e residenza del richiedente e della sua famiglia.

Successivamente, la giurisprudenza ha riconosciuto il diritto all’anticipo anche per altre tipologie di spese:

  • acquisto del suolo su cui edificare l’abitazione;
  • acquisto della casa per il figlio, quando l’onere è sostenuto dal figlio stesso;
  • riscatto di abitazione già occupata ad altro titolo;
  • ristrutturazione di una abitazione da adibire a prima casa;
  • costruzione di una abitazione da adibire a prima casa.

TFR 2021: quando sono previste condizioni migliori?

I CCNL o i patti individuali possono prevedere migliori condizioni di favore stabilendo altri criteri di priorità per quanto concerne requisiti soggettivi, limiti numerici e misura dell’anticipazione.

In caso di morte del dipendente, il TFR spetta al coniuge, ai figli e, se vivevano a carico del lavoratore, ai parenti entro il terzo grado e agli affini entro il secondo grado.

Accantonamento TFR

I dipendenti privati hanno sei mesi di tempo dalla data di assunzione per decidere la destinazione del loro TFR. Diversamente, scatta il silenzio assenso per cui il datore di lavoro provvederà a trasferire il TFR maturando alla forma pensionistica prevista dai CCNL, salvo accordi interni che prevedono la destinazione del TFR ad una delle forme pensionistiche previste dagli accordi o dai contratti collettivi. In ogni caso, l’accordo va notificato al lavoratore.

Se l’azienda prevede più forme pensionistiche, il TFR sarà destinato a quello a cui hanno aderito un maggior numero di lavoratori. In caso di inapplicabilità delle precedenti ipotesi, il datore di lavoro deve trasferire il TFR maturando alla forma pensionistica complementare residuale istituita presso l’INPS. Il lavoratore può comunque scegliere di mantenere il TFR presso il datore di lavoro, tenendo presente che tale scelta che può essere revocata in qualsiasi momento.

Il datore di lavoro deve obbligatoriamente fornire al lavoratore informazioni sulle possibili opzioni, prima dei famosi sei mesi di tempo di cui lavoratore gode per poter prendere una decisione. Nell’ultimo di questi mesi, il datore di lavoro deve consegnare al dipendente le necessarie informazioni relative alla forma pensionistica complementare verso la quale è destinato il TFR maturando.

Informazioni su Carmine Orlando 323 Articoli
Nato a Milano nel 1971 ma campano d'adozione, ho sempre avuto una grande passione per la scrittura, pur lavorando come libero professionista in altri settori. La scoperta del Web Copywriting e il vasto quanto complesso mondo della SEO mi ha conquistato, tanto da aver intrapreso un lungo percorso di formazione a aver trasformato un hobby in una fonte primaria di guadagno. Sono stato per anni coordinatore della redazione per CentroMeteoItaliano.it, ho collaborato con Money.it, con Notizieora.it e con BlastingNews.com.