Pane e pasta sempre più cari e i prezzi hanno raggiunto il record

Pane e pasta hanno raggiunto dei prezzi senza precedenti. Tra motivazione e rincari sia per le imprese che per i consumatori finali.

Pane e pasta: dalla luce ai prodotti primari, cosa dobbiamo aspettarci?

Pane e pasta stanno aumentando i loro prezzi in maniera vertiginosa. Da nord a sud Italia i rincari colpiscono non solo le materie prime per le aziende, ma anche il consumatore finale. Un chilo di pane più di tre euro e si ricorda che stiamo parlando di un bene di prima necessita, che non dovrebbe mai mancare a nessuno. Mentre si fa sempre più presente lo spettro dell‘inflazione in rialzo.

Comunque sia già nei mesi scorsi si è assistito ad un aumento in bolletta di gas e luce. Infatti le prime bollette già rincarate sono arrivate, portando con se un’amara consapevolezza per gli utenti. Ed oggi non solo il pane, ma anche la pasta sia normale che integrale, sia nei supermercati che nelle botteghe sotto casa.

Le motivazioni che spiegano l’aumento dei prezzi

Dopo gas, luce e carburante arrivano ancora aumenti per le famiglie italiane. Ma quello che stupisce è che sono in aumento anche i generi alimentari. Si parla di circa il 15% in più rispetto allo scorso anno. Mentre per farina, pasta integrale e pane in cassetta i rincari sono del 30%. L’aumento della farina al chilo è del 38% da maggio ad oggi, mentre un chilo di pane è più del 11% sempre con riferimento allo stesso periodo.

Ma quali potrebbero essere le motivazioni? Una risposta è da ricercarsi nel calo dei raccolti in Ucraina, secondo quanto dichiarato dall’Ismea. Si tratta dell’istituto di servizi per il mercato agricolo ed alimentare, che sta monitorando la situazione. La seconda motivazione potrebbe essere legata alla decisione della Russia di diminuire il livello di esportazioni, allo scopo di contenere il prezzo del grano.

La situazione in Italia e le difficoltà delle imprese

Sembra strano ma le nostre aziende per produrre i loro prodotti hanno bisogno spesso di importare il grano o le farine per le lavorazioni. Ebbene si perché il grano 100 per cento italiano riesce a coprire solo il 33% della domanda. La produzione di grano italiano è molto difficile da proteggere come Made in Italy visto che l’Italia produce poco più del 50% del proprio fabbisogno complessivo. In altre parole importiamo circa il 50% di grano tenero e il 40% di grano duro per sopperire al nostro fabbisogno.

In ogni caso abbiamo tanti produttori grano italiano che con cura e passione coltivano questo importantissimo cereale. Qualche rischio di importare grano con tracce di antiparassitari o micotossine sussiste ma non possiamo fare in altro modo per il fabbisogno della nazione.

Informazioni su Francesca Cavaleri 273 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Attualmente sono coordinatrice di ItValverde, in cui raccontiamo le eccellenze del territorio. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.