Servizio INPS come accedere anche senza SPID, ecco la novità

Il servizio INPS è accessibile anche per chi non ha lo Spid. Ecco come fare e le possibili novità previste per quest’anno appena iniziato.

Servizio INPS, il punto della situazione

Dal primo ottobre 2021 l’accesso ai servizi della Pubblica amministrazione è consentito solo attraverso l’identità digitale. La carta di identità elettronica e cioè le credenziali con Carta Nazionale dei servizi, Carta d’Identità elettronica e Sistema pubblico dell’Identità Digitale.

Pertanto rientra i servizi della Pubblica amministrazione anche i servizi offerti dell’Inps, istituto nazionale di previdenza sociale. Però proprio per questo istituto pare esserci una deroga e così poter accedere anche senza spid. Infatti l’accesso è possibile attraverso il così detto pin telefonico temporaneo. Vediamo cos’è nel dettaglio questo strumento.

Pin telefonico temporaneo, in cosa consiste il servizio?

Il pin telefonico temporaneo è un codice, appunto, che ha una validità da 1 giorno a tre mesi. Per ottenerlo è necessario richiederlo tramite l’applicativo Assegnazione Pin telefonico temporaneo e contattare il Contact center INPS. Allo scadere della validità l’utente ottiene un codice alfanumerico della durata prescelta. Ma in caso di smarrimento è possibile richiederne uno nuovo che annullerà quello precedente.

La delega per lo svolgimento dei servizi Inps

Dal 16 agosto 2021 l’utente può delegare una persona all’esercizio dei propri diritti nei confronti dell’INPS. Tuttavia ogni delegato può esserlo di al massimo cinque persone, ad esclusione dei tutor. Infatti questi ultimi insieme ai curatori e agli amministratori di sostegno hanno bisogno di richiedere la registrazione di una delega. La registrazione è possibile farla presso qualsiasi ufficio INPS.

Inoltre è possibile la richiesta di registrazione della delega da parte di persona diversa dal delegante, solo in alcuni casi ben precisi:

  • con autocertificazione della rappresentanza legale;
  • i genitori possono chiederla per conto dei figli minori;
  • nel caso di persone allettate o per lunga degenza possono usufruire della registrazione della delega attraverso un delegato.

In ogni caso ci sono dei documenti da dover presentare. Il richiedente deve esibire:

  • modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitaler per tutori, amministratori di sostegno e minori, curatori, attraverso il Mod. AA10 scaricabile dal sito dell’INPS;
  • copia del documento del richiedente;
  • copia del documento di riconoscimento del tutelato;
  • autocertificazione o copia del provvedimento di nomina del giudice.

Mentre per gli esercenti la podestà genitoriali, occorre esibire oltre al modulo AA10 e la copia del documento di riconoscimento del richiedente, anche l’autocertificazione attestante a potestà genitoriale. Infine per le persone allettate per lunga durata, ricoverate o impossibilitate occorre presentare un’ attestazione sanitaria prodotta da un medico del servizio sanitorio nazionale che attesti la condizione del delegante. -Resta salva la presentazione sia del modello AA10 che le copia dei documenti di identità di entrambe le persone.

 

 

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 505 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.