Contributi a fondo perduto Camera di commercio di Milano Monza Brianza e Lodi

contributi a fondo perduto
Nel decreto Sostegni Ter del 21 gennaio 2022 ci sono nuovi contributi a fondo perduto

C’è ancora tempo, con la Camera di commercio di Milano Monza Brianza e Lodi, per la presentazione della domanda che è finalizzata all’accesso ai contributi a fondo perduto per quel che riguarda il ‘Bando Nuova Impresa‘ su risorse che sono state stanziate dalla Regione Lombardia.

Domanda e scadenza contributi a fondo perduto Camera di commercio di Milano Monza Brianza e Lodi

In accordo con quanto si legge sul portale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza e Lodi, infatti, i termini di presentazione delle istanze per l’accesso ai contributi a fondo perduto si chiuderanno alle ore 17 del 31 marzo del 2022.

In particolare, le imprese interessate, e rispettanti i requisiti di accesso al bando, potranno presentare le istanze avvalendosi della piattaforma web Telemaco. Si accettano infatti solo le domande presentate via web. Precisamente, in modalità telematica con la firma digitale.

Quali sono le spese ammissibili ed il contributo a fondo perduto massimo erogabile

Al fine di ottenere i contributi a fondo perduto, l’impresa che presenta la domanda deve realizzare un investimento avente un controvalore minimo di 5.000 euro. Con il contributo a fondo perduto che copre il 50% delle spese ammissibili. E comunque, per ogni istanza presentata, il contributo a fondo perduto massimo erogabile non può superare i 10.000 euro. Tra le spese ammissibili rientrano i costi per l’acquisto di hardware e software, l’acquisto di attrezzature, macchinari, beni strumentali ed anche arredi nuovi.

Il contributo a fondo perduto, tra l’altro, può essere concesso pure a copertura dei costi sostenuti per il canone di locazione della sede legale e operativa della nuova impresa che è attiva sul territorio della regione Lombardia. La nuova impresa, in particolare, deve essere costituita dopo il 26 luglio 2021 ed entro il 31 dicembre del 2021. E deve rientrare nei settori economici del commercio, del terziario e del manifatturiero, e artigiani operanti negli stessi comparti.