Novità Permessi legge 104, cosa cambia da questo mese?

Novità permessi legge 104, congedi parentali smart working, a partire da questo mese, ecco cosa cambierà per gli aventi diritto.

Novità permessi legge 104, gli obiettivi del decreto

Il decreto legislativo n.105-2022 approvato dal Governo e pubblicato il 29 luglio 2022 in Gazzetta Ufficiale, introduce delle novità in materia di permessi 104, congedi parentali e smart working. Misure che servono anche ad allinearsi con gli altri paesi dell’Unione Europea. Infatti la direttiva europea 2019/1158 è intervenuta sul tema della conciliazione tra attività professionale e vita familiare. In particolare per coloro che devono prestare assistenza a disabili o anziani. La direttiva punta sul:

  • sostegno della categorie più deboli come disabili e bambini;
  • ma anche sul consolidamento tra le responsabilità tra uomini e donne che lavorano e che hanno diritto alla parità di genere.

Le novità permessi legge 104 sono operative in Italia dal 13 agosto 2022. L’Inps con proprio messaggio n.3096 del 5 agosto 2022 ha indicato alcune precisazioni.

Come cambia il principio del referente unico?

La novità riguarda l’eliminazione del principio del “referente unico dell’assistenza”. Nel decreto precedente non era riconosciuto a più di un lavoratore dipendente la possibilità di usufruire dei giorni di permesso per l’assistenza alla stessa persona in situazione di disabilità grave.

Mentre oggi si stabilisce che, fermo restando il limite di tre giorni, per l’assistenza allo stesso individuo con disabilità in situazione di gravità, il diritto può essere riconosciuta a più soggetti. Infatti quelli aventi diritto possono usufruirne in via alternativa tra di loro. Un esempio è quello dei figli che assistono lo stesso genitore anziano o disabile.

Quindi dal 13 agosto 2022, più soggetti aventi diritto possano richiedere l’autorizzazione a fruire dei permessi. Ma in modo alternativo tra loro, per l’assistenza alla stessa persona disabile grave.

Come richiedere i permessi legge 104?

E’ comunque già possibile richiedere i permessi legge 104. Tuttavia la domanda, come sempre, va inoltrata all’INPS. E’ possibile farlo attraverso il sito web, il contact center integrato, caf e Patronato. Tuttavia sono importanti alcune precisazioni in merito alla convivenza. Infatti, ai fini della fruizione del congedo straordinario, il convivente, deve allegare alla domanda una dichiarazione sostitutiva di certificazione nella quale si attesti la convivenza di fatto.

Inoltre nel caso in cui la convivenza non è ancora istaurata, il richiedente è tenuto ad allegare alla domanda, una dichiarazione sostitutiva in cui si obbliga a provvedere ad istaurare una convivenza con il familiare disabile entro l’inizio del periodo di congedo richiesto e a mantenerla per tutta la durata dello stesso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 698 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.