Piano taglia-consumi Ue, arriva il contatore che si blocca

Il Piano taglia-consumi Ue è molto rigido e dovrebbe indicare alcune norme da seguire per cercare di far fronte alla crisi energetica.

Piano taglia-consumi Ue, arrivano i “contatori intelligenti”

Gli stati membri stanno lavorando ad un piano taglia-consumi che cerca di combattere la crisi energetica in tutta Europa. Tra il mancato accordo, almeno fino ad oggi, sul tetto massimo del prezzo del gas e il dialogo che non si trova con la Russia, sono sempre più difficili le speranze di un “inverno” come quelli passati.

Tuttavia a breve la Commissione europea dovrà presentare il proprio piano taglia-consumi per diminuire questi ultimi del 5% negli orari di picco. Sembra che per raggiungere l’obiettivo l’Unione Europea stia pensando all’obbligo di utillizzo di contatori intelligenti. Ma non sarà l’unica misura adottata, pertanto si aspetta con molta ansia la pubblicazione del documento.

Piano taglia-consumi, come funzionano i contatori intelligenti?

I contatori intelligenti non sono altro che dispositivi che permettono di risparmiare, soprattutto quando si consuma più del necessario per garantire il fabbisogno energetico di tutti. Se le regole europee saranno applicate, i gestori di energia elettrica dovranno “limitare da remoto” l’utilizzo del contatore nelle ore di punta.

Ciò vuol dire che in alcune ore non sarà possibile tenere accesi due elettrodomestici contemporaneamente. Ad esempio non si potrà tenere il forno acceso insieme alla lavatrice per fare il bucato. Ma se si fa ugualmente, i distributori di energia opereranno una sorta di blocco di corrente elettrica. Quindi in determinate fasce orarie si potrà accendere solo elettrodomestico per volta, o magari la capacità del classici 3kw, sarà diminuita da remoto.

Al rischio un inverno non troppo caldo

Tutti gli stati europei stanno cercando di trovare una soluzione, anche con nuovi accordi commerciali, per garantire un “caldo inverno” nelle case dei propri cittadini. L’Italia ha puntato all‘Algeria con nuove importazioni. Ma anche l’Unione Europea con il proprio piano prevede così di ridurre i consumi di gas e luce del 5%. Solo che molti si sono posti una semplice domanda. Ma se superata la fascia oraria, tutti riprendono le loro abitudini, l’ora il picco sarà semplicemente spostata durante la giornata. Siamo sicuri che sia la misura giusta? Beh la domanda è legittima.

Inoltre è bene specificare che da queste misure di riduzione di potenza del contatore, non si applicheranno alle case in cui sono presenti apparecchi elettromedicali indispensabili per la salute. Non resta quindi che aspettare il piano completo. Magari per evitare “inverni troppo freddi” anche all’interno delle abitazioni e degli uffici.

Informazioni su Francesca Cavaleri 719 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.