Come guadagnare con gli abbonamenti su YouTube

Molti sanno che guadagnare con YouTube è possibile, ma spesso è impresa piuttosto ardua riuscire ad ottenere ricavi sostanziosi. C’è un ulteriore sistema, però per i creator, ovvero quello degli abbonamenti. Scopriamo, allora, in questa rapida guida, come si può guadagnare con gli abbonamenti su YouTube.

Guadagnare su YouTube, come fare

Prima di occuparci, nello specifico, della possibilità e modalità di guadagnare con gli abbonamenti su YouTube, vediamo come è possibile ottenere dei guadagni basici dalla piattaforma.

Dunque, per poter ottenere dei ricavi dalla piattaforma di YouTube, è necessario poter attivare la monetizzazione sul proprio canale YouTube.

La monetizzazione non è altro che un obiettivo che si può raggiungere con dei requisiti minimi per l’adesione al programma, YouTube revisiona i canali che hanno attivato la monetizzazione, qualora ritenuti idonei, permette l’inserimento di annunci pubblicitari e di guadagnare qualche soldo extra.

Ecco, dunque che bisogna capire chi può richiedere questa ambita monetizzazione e in che modo la si può ottenere.

Come si richiede la monetizzazione su YouTube

Per accedere alla monetizzazione, occorrono delle soglie minime richieste dalla piattaforma, ovvero degli obiettivi che sono legati ai numeri del proprio canale.

E’ necessario, infatti, che il proprio canale abbia raggiunto un minimo di 1000 iscritti ed un totale di 4.000 ore di visualizzazioni ai propri video nel tempo di 12 mesi. Alla scadenza dei 12 mesi dal primo video caricato, inizierà un countdown che sottrae le ore di visualizzazione giorno dopo giorno, per cui sarà necessari creare sempre nuovi contenuti per stare al passo del conteggio e raggiungere la soglia richiesta.

Una volta garantito ciò, si dovrà constatare nel proprio pannello del canale (con su scritto monetizzazione), che non ci siano avvertimenti in atto (quindi segnalazioni) relativi alle norme della Community.

Una volta che si sono appurati questi passaggi, si potrà procedere con la richiesta di monetizzazione. E, quindi YouTube valuterà nel tempo di un mesetto (o poco più) se il canale è idoneo alle inserzioni pubblicitarie sui propri video.

Quindi, non è da escludere che per la piattaforma il vostro canale, anche con i numeri raggiunti, possa non essere agibile.

Come guadagnare con gli abbonamenti su YouTube

Veniamo, dunque al nodo della questione, ovvero, quello legato alla possibilità di ottenere degli abbonati al proprio canale.

Persone, dunque, che devono sottoscrivere un abbonamento, pagando, per usufruire di servizi extra dal vostro canale.

Innanzitutto, anche qui c’è la soglia di iscritti da dover necessariamente raggiungere, prima di rendere il canale attivo per gli abbonamenti.

Per gli utenti che invece vogliono iscriversi, al vostro abbonamento, la procedura è la seguente:

  1. Accedere alla piattaforma di YouTube, da app o remoto.
  2. Accedere al canale o al video del creator che si vuole sostenere e verificare se ha attivato gli abbonamenti sul suo canale.
  3. Fare clic sul pulsane Abbonati accanto al tasto Iscriviti, sotto al video.
  4. Seguire le indicazioni per inserire i propri dati di pagamento.
  5. Fare clic su Acquista, una volta scelta l’opzione di abbonamento.

Solitamente un canale YouTube offre più opzioni di abbonamento, partendo da un pacchetto basico, mediamente attorno ai 2 euro mensili, fino ad un pacchetto di 10 euro che dovrebbe offrire servizi esclusivi, come video personalizzati o possibilità di partecipare come ospite alle live, o di vincere premi messi in palio sul canale od altro ancora.

Come funzionano i guadagni con gli abbonamenti su YouTube

Per il creator che gestisce il canale, indubbiamente la possibilità di guadagno, con un pubblico ben fidelizzato, sarà ottimale attraverso gli abbonati. Probabilmente molto più che con la normale monetizzazione della piattaforma. Di fatto, con decine di abbonati si potrà ottenere un discreto incremento mensile alla propria entrata dal canale.

Come detto, occorre innanzitutto creare dei livelli/listini per offerta. Partendo da un pacchetto basico (sticker personalizzati, ad esempio o saluti personalizzati all’interno di un video), per una quota di 1 o 2 euro e via via salire, con vantaggi esclusivi riservati agli abbonati con fasce di prezzo superiore.

Una volta ottenuti i primi followers abbonati, va detto che YouTube tratterrà una percentuale da queste entrate (circa il 60%).

Questo è quanto vi fosse, dunque, di più utile e necessario da sapere in merito alle possibilità e modalità di guadagno con gli abbonamenti sul canale YouTube.

Informazioni su Davide Scorsese 301 Articoli
Appassionato di scrittura, ho collaborato per diverse testate online tra le quali ricordiamo BlastingNews.com e NotizieOra.it. Ama cinema e scrittura, fin dalla tenera età, studia recitazione e consegue una formazione attoriale nei teatri off partenopei.