Superbonus, la svolta sulle cessioni arriva da Poste Italiane

Novità sul superbonus e sulla cessione dei crediti arrivano da Poste italiane. Ecco cosa c’è da sapere e la procedura da attuare.

Superbonus, Poste italiane ha riaperto la piattaforma

Il nodo sulla cessione dei crediti per gli interventi edili è uno dei temi focali legati al superbonus. Tuttavia Poste italiane procede con la sua acquisizione dei crediti. Ma non per tutti, ma attraverso determinate caratteristiche. Dunque, il servizio di cessione del credito è rivolto a privati, imprese e liberi professionisti che sono titolari di un credito d’imposta. Ecco la prima regola: poste italiane non acquisce crediti oggetto di precedente trasferimento.

Inoltre un’altra regola è che le quote annuali saranno fruibili a partire dal 2023 in relaziona ai crediti maturati a fronte di spese sostenute nel 2022 o a rate residue di spese sostenute negli anni precedenti. Infine l’importo massimo cedibile è pari a 150 mila euro.

Superbonus, e tutti gli altri crediti cedibili

Poste italiane concede la cessione sul Superbonus 110% ai sensi dell’articolo 119 del Decreto Rilancio (DL n.34/2020) per spese riguardanti: l’efficienza energetica, l’istallazione di impianti fotovoltaici, riduzione dei rischio sismico, infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici ed eliminazione delle barriere architettoniche. Si tratta di 5 quote annuali o 4 quote annuali per le spese sostenute dal 2022.

Tuttavia Poste italiane si occupa della concessione dei crediti anche di altri bonus ai sensi dell’art 121 del Decreto Rilancio e sono:

  • recupero e restauro di facciate, in quote annuali per 10 anni;
  • ecobonus ordinario, ripartito in 10 anni in quote annuali;
  • sismabonus ripartito in 5 quote annuali;
  • eliminazione di barriere architettoniche a fronte di spese sostenute dal primo gennaio 2022, e ripartito in 5 quote annuali;
  • ristrutturazione e recupero patrimoni edilizio ripartito in 10 quote annuali;
  • installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici, ripartito in 10 quote annuali.

Il corrispettivo della cessione

L’importo liquidato per la cessione di crediti d’imposta con recupero sarà pari a:

  • 99 euro per ogni 110 euro di credito d’imposta acquistato da Poste Italiane per gli interventi relativi al Superbonus 110% con recupero in 4 anni. E’ pari al 90% del valore nominale del credito d’imposta maturato;
  • 87 euro per ogni 100 euro di credito d’imposta acquistato da Poste Italiane per gli interventi diversi da quelli qualificanti per il Superbonus 110% con recupero in 5 anni. E’ pari all’87% del valore nominale del credito d’imposta maturato;
  • 70 euro per ogni 100 euro di credito d’imposta acquistato da Poste Italiane per gli interventi diversi da quelli qualificanti per il Superbonus 110% con recupero in 10 anni. E’ pari al 70% del valore nominale del credito d’imposta maturato.

Inoltre in caso di esito positivo delle pratiche dei richiedenti la liquidazione del corrispettivo avverrà solo sul conto BancoPosta del cliente, in circa due mesi e mezzo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni su Francesca Cavaleri 830 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.