Isee 2023, se non si aggiorna si perde l’assegno unico intero

quoziente familiare

L’isee 2023 deve essere aggiornato al più presto, perché da questo documento dipende l’erogazione dell’assegno unico intero, ecco come fare.

Isee 2023, occorre aggiornarlo

L’assegno unico anche per quest’anno dipende dal valore dell’Isee del nucleo familiare. L’assegno unico universale è la misura economica a sostegno delle famiglie con figli a carico istituito con la legge delega 46/2021. L’entrata in vigore è avvenuta dal primo marzo 2022 e molti nuclei familiari ne godono i benefici. Proprio perchè è un sussidio che spetta a tutte  le famiglie con minorenni a carico. Può essere richiesto già dal settimo mese di gravidanza, fino al compimento dei 21 anni del proprio figlio.

Ma attenzione, c’è tempo fino a fine febbraio procedere all’aggiornamento dell’Isee 2023. Altrimenti si rischia di non prendere l’importo intero spettante. Si ricorda anche che quest’anno, la manovra di bilancio, ha innalzato gli importi dell’assegno unico. Quindi non occorre fare una nuova richiesta, per chi lo possiede, ma senza dubbio occorre aggiornare subito il proprio isee 2023.

Perché aggiornarlo ai fini dell’assegno unico?

Molte famiglie stanno già provvedendo al rinnovo dell’Isee 2023 per non perdere il valore intero dell’assegno unico previsto. Si ricorda che deve presentare domanda per l’assegno unico solo chi lo richiedere per la prima volta. Ad esempio il tipico caso è quello delle donne incinte al settimo mese di gravidanza; ma anche chi non ne ha fatto richiesta lo scorso anno. Per tutti gli altri corre solo un semplice rinnovo Isee.

Anche perché ci sono delle novità. Tra queste c’è la rivalutazione degli importi e delle soglie Isee. Infatti a partire da febbraio scatterà l’aumento del 50% dell’assegno unico per ciascun figlio di età inferiore a un anno, a prescindere dall’Isee, per i nuclei con quattro figli e per quelli con almeno tre figli per ciascun figlio di età compresa tra uno e tre anni, se l’Isee non supera i 40 mila euro. E’ inoltre prevista una maggiorazione del 50% per i figli nati nell’anno a prescindere dall’Isee.

Isee 2023, come fare l’aggiornamento

A questo punto è bene ricordare come aggiornare il proprio Isee. Per aggiornare l’Isee occore presentare una DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) con le informazioni sulla composizione del nucleo familiare e la situazione patrimoniale e reddituale. E’ possibile farlo presso un Caf, una sede Inps, agli sportelli del comune oppure per via telematica sul sito Inps.

I documenti da presentare per chi deve fare il semplice rinnovo sono di meno, rispetto a chi deve chiedere un nuovo documento mai presentato. Quindi per il rinnovo occorre presentare al CAf o Patronato i seguenti documenti:

  • le giacenze medie di tutti i conti correnti intestati ai componenti del nucleo familiari, al 31/12/2021; E’ possibile richiederli anche online con l’home banking o presentandosi verso gli sportelli sul territorio;
  • le dichiarazioni dei redditi se ci sono stati cambiamenti;
  • cambiamenti immobiliari   per eventuali vendete o acquisti;
  • le fotocopie delle carte di circolazione di auto e moto.
Informazioni su Francesca Cavaleri 1487 Articoli
Nella vita sono una piccola imprenditrice nel settore immobiliare. Ho una laurea con specializzazione in Economia e direzione aziendale, ottenuta presso la facoltà di Catania con il massimo dei voti. Mi piace scrivere articoli online, per questo ho avviato da circa 4 anni vari progetti portati a termine con successo. Il saper comunicare credo che sia un'arma vincente. Amo la mia terra, il sole, il mare, la mia famiglia e gli animali. La vita è troppo breve pertanto cerco di viverla nel migliore dei modi.